Concorso straordinario, Granato (M5S): raggiunta l’intesa. Prova scritta dopo l’estate, saranno valorizzati titoli e servizio

Stampa

nota della capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Istruzione al Senato Bianca Laura Granato  –   “Dopo un lavoro intenso in Commissione Istruzione abbiamo tradotto in un emendamento l’accordo sul concorso per i precari della scuola raggiunto tra le forze di maggioranza con la mediazione del presidente Conte.

Abbiamo garantito un punto su tutti, fondamentale per il Movimento 5 Stelle: la selezione del personale docente con tre annualità di servizio avverrà tramite un concorso che prevede il superamento di una regolare prova scritta a seguito della quale i docenti risultati idonei verranno inseriti in una graduatoria di merito da cui avverrà il reclutamento grazie anche alla valorizzazione dei titoli culturali e di servizio.

Le prove si terranno dopo l’estate, con conseguente immissione in ruolo dei primi vincitori a decorrere dal 1° settembre 2021.

Per il prossimo anno scolastico, il 2020/21,  i docenti saranno pertanto assunti con contratto a tempo determinato sulla base delle graduatorie provinciali che verranno riaperte e contestualmente aggiornate a come da emendamento approvato in commissione.

Ai vincitori del concorso assunti a settembre 2021 sarà garantita la retrodatazione giuridica della nomina a settembre 2020.

Parliamo di 32.000 insegnanti in totale che verranno regolarmente assunti a tempo indeterminato dopo una vera prova concorsuale idonea a garantirne il merito.

È il miglior risultato che si poteva conseguire date le situazioni contingenti e possiamo dire tranquillamente che se non fosse stato per l’attenzione alla qualità della scuola del Movimento 5 Stelle, nulla di tutto ciò sarebbe avvenuto, e si sarebbe assistito con ogni probabilità all’ennesima sanatoria in barba ai diritti degli studenti e alla Costituzione.

Abbiamo lavorato giorno e notte per superare gli ostacoli posti da chi ha una visione della scuola come coacervo di interessi di parte, e siamo soddisfatti. Lo dovevamo ai docenti e a tutti coloro che credono nella scuola come luogo di valorizzazione di merito, capacità e impegno di studenti e insegnanti.

Un grazie particolare va alla ministra Lucia Azzolina per la sua perseveranza anche di fronte alle molteplici pressioni di queste settimane, cui si sono aggiunti insulti e addirittura le minacce.

Non è stato facile, ma l’interesse preminente della collettività è stato preservato. Andiamo perciò avanti a testa alta. Il prossimo passo sarà in aula per concludere l’iter al Senato e procedere alla conversione definitiva in legge del decreto con il passaggio alla Camera”.

Il testo dell’emendamento

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione