Concorso straordinario: la farsa continua. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Inviato da Luca Gallo- Per quanto riguarda il concorso straordinario, ovvero per coloro che hanno svolto 3 anni di servizio non continuativi, si legge nella bozza del bando di concorso che i quesiti a risposta multipla scendono da 80 a 60, non c e traccia dei quesiti di lingua, e non è dato per scontato che fino alla fine i partecipanti non avranno a disposizione le domande del concorso.

Ora, tutto questo buonismo che contrasta con le dichiarazioni ufficiali che provengono dal ministero, non fanno altro che dimostrare una situazione che rasenta il ridicolo, ormai vige la regola della strada piuttosto che del buon senso, ovvero ha ragione chi più si lamenta e chi più alza la voce.

Ricordo che chi partecipa al concorso straordinario, lo fa senza l’abilitazione, che la prova non è neanche lontanamente paragonabile ad un concorso ordinario, che già di suo presenta situazioni non uniformi su tutto il territorio nazionale, e che decreterà un precedente ambiguo per tutti coloro che nei prossimi anni raggiungeranno le tre annualità di servizio.

Ricordo solo che nel 2016, al concorso ordinario riservato agli ABILITATI, ci furono candidati che furono bocciati all’orale e specificatamente alla parte riservata all’inglese, infatti alcune commissioni davano ben 8 punti al colloquio di livello B2 di inglese o di un’altra lingua a scelta.

Qui invece si continua a barattare, e a rendere sempre più questo concorso una farsa.

Mai, sinceramente, ho visto i sindacati così agguerriti e decisi sulle proprie posizioni, come se il precariato è nato oggi, o come se altre categorie di insegnanti non meritano rispetto e considerazione; c’è chi è entrato in ruolo dopo quindici, vent’anni di precariato, non per sua colpa, ma rispettando le regole di un sistema impazzito, come quando lo Stato ci dava la possibilità di abilitarci, dissanguandoci economicamente e fisicamente, e allo stesso tempo il ministro di allora ci sbeffeggiava dicendo che era solo tutta un’illusione.

Per cui senza entrare nel merito della disparità di trattamento, e delle storture, e delle ingiustizie accumulate da molti, invito i sindacati a dedicare un po di tempo anche a quei famosi ABILITATI DI STATO TFA/PAS che si vedono addirittura da quest’anno un blocco quinquennale assurdo, che non tiene conto dei percorsi di provenienza e degli enormi sacrifici per arrivare al ruolo, altro che tre anni di servizio con riserva entro il 30 giugno 2020.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito