Concorso straordinario infanzia e primaria, bozza. Miur chiarisce requisiti servizio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I sindacati hanno partecipato oggi al secondo incontro sul concorso straordinario per infanzia e primaria, previsto dal Decreto Dignità entrato in vigore l’11 agosto 2018.

Pronto il decreto per disciplinare termini e modalità del bando

L’avvio del concorso straordinario è imminente, considerati però i tempi necessari per decreto + bando.

Il decreto dovrebbe essere pubblicato entro il 10 ottobre.

I requisiti

Al concorso straordinario potranno partecipare diplomati magistrale con titolo acquisito entro l’a.s. 2001/02 e i laureati in Scienze della formazione primaria che possano vantare due annualità di servizio specifiche per il posto richiesto svolti nella scuola statale.

Il Miur ha chiarito, come già anticipato da OrizzonteScuola

  • per due anni di servizio si intendono 180 giorni per a.s. o  servizio continuativo dal 1° febbraio fino agli scrutini finali
  • al concorso per i posti di sostegno accedono i docenti in possesso del titolo di specializzazione. Il servizio però sarà considerato valido anche se svolto prima del conseguimento della specializzazione
  • Con  il termine “specifico”  si intenderà quello prestato rispettivamente nell’ordine dell’infanzia e primaria.
  • il servizio specifico (nella scuola dell’infanzia e primaria) prestato sui posti di sostegno sarà valido ai fini dell’ammissione al concorso per i posti comuni.

Pubblicazione bando

Al momento non ci sono date per la pubblicazione del bando, la bozza deve infatti ancora essere trasmessa al CSPI per il  parere.

Diplomati magistrale e laureati SFP, avvio imminente concorso straordinario

Versione stampabile
anief
soloformazione