Concorso straordinario, in arrivo istruzioni per correggere prove “da remoto”. Titoli valutati solo per chi supera prova. Nota Ministero

Stampa

Concorso straordinario per il ruolo di cui al DD n. 510 del 23 aprile 2020: il DPCM 3 novembre ha sospeso lo svolgimento delle prove, che riprenderanno prima possibile. Nel frattempo il Ministero aveva comunicato che avrebbe avviato la correzione delle prove già svolte ma a venti giorni da quella dichiarazione nulla è stato fatto in merito. La nota diramata il 24 novembre afferma che “quanto prima saranno diramate le necessarie istruzioni operative”.

Nella nota il Ministero scrive “L’Amministrazione sta mettendo a punto procedure telematiche per avviare, tempestivamente, e all’insegna della massima trasparenza e sicurezza, le operazioni di correzione ‘da remoto’ da parte delle insediate Commissioni di valutazione. Quanto prima saranno diramate le necessarie istruzioni operative.”

Una precisazione, bisogna ricordarlo, che lo stesso Ministero aveva già inserito nella  nota diramata il 4 novembre ai Direttori generali degli Uffici scolastici Regionali

“L’Amministrazione darà, quanto prima, istruzioni in merito alle procedure per la correzione in remoto delle prove già svolte.”

Sono trascorsi venti giorni e nulla finora è cambiato.

Nella nuova nota il Ministero ricorda che, al termine della correzione delle prove scritte, le richiamate commissioni procederanno, in ossequio al disposto dell’articolo 400, comma 13, del decreto legislativo 16 aprile 1994 n. 297, alla valutazione dei titoli nei riguardi dei candidati che hanno superato la prova.”

La nota del Ministero

Graduatorie già pubblicate

Le uniche due sono della provincia di Bolzano che, per l’esiguità del numero dei partecipanti, non offre ancora una visione statistica dell’andamento del superamento della prova.

Le correzioni – i risultati

Come indicato dal DD 8 luglio 2020 le commissioni pubblicano, almeno sette giorni prima rispetto alla prova, le griglie di valutazione. (predisposte dal CTS).

Nei prossimi giorni saranno pubblicate le altre griglie di valutazione, distinte per classe di concorso.

I descrittori sono

  • Padronanza delle conoscenze e competenze disciplinari in relazione alle discipline oggetto d’insegnamento (da 0 5 punti)
  • Padronanza delle conoscenze e competenze didatticometodologiche in relazione alle discipline oggetto d’insegnamento (da 0 a 5 punti)
  • Qualità dell’esposizione e correttezza linguistica e terminologica (da 0 a 5 punti)

Il punteggio sarà convertito in /80

La prova si intende superata con un minimo di 56/80.

Coloro che supereranno la prova ma non rientreranno nel numero dei posti banditi per la propria classe di concorso nella regione scelta, potranno conseguire l’abilitazione secondo una procedura ancora non specificata dal Ministero.

Quando le nomine in ruolo per i vincitori del concorso straordinario

Il bando, DDG n. 510 del 23 aprile integrato con Decreto Dipartimentale n.783 del 8 luglio 2020 prevede “Ai vincitori della procedura concorsuale straordinaria ed immessi in ruolo nell’anno scolastico 2021/2022 che rientrano nella quota dei posti destinati alla procedura per l’anno scolastico 2020/2021 è riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro dal 1° settembre 2020.”

Le nomine saranno disposte per l’anno scolastico 2021/22.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio