Concorso straordinario: ho quattro anni di servizio misto, ho diritto a partecipare. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

inviata da Jennifer Caovilla In assenza di chiarimenti in merito alla possibile esclusione dei docenti con servizio misto dal concorso straordinario, inizio a supporre che il timore degli insegnanti coinvolti non fiorisca solamente da un’errata interpretazione del decreto. 

Tra costoro, ci sono anch’io.

Dopo un anno nella statale, sto completando la mia terza annualità in una scuola paritaria. Mi chiedo pertanto perché, al quarto anno consecutivo d’insegnamento, mi dovrebbe essere preclusa la possibilità di partecipare al concorso riservato, sia pure per conseguire un’abilitazione. Eppure, tre anni li ho già maturati, oltre ad avere, attualmente, un contratto al 30 giugno.

Essere discriminata rispetto a chi ha accumulato tre anni nella statale o tre anni esclusivamente nella paritaria non mi sembrerebbe corretto.

Anche perché, poi, a cosa servirebbero i miei master, i 24 CFU, i corsi di perfezionamento, gli attestati d’inglese e tecnologie informatiche, se sarò costretta a restare confinata in terza fascia? Scavalcata, al prossimo aggiornamento delle graduatorie, da chi ha accumulato un punteggio – oltre che un’esperienza – pari o inferiore al mio?

I tre anni di servizio, siano essi conseguiti in scuole statali, paritarie e/o IeFP, hanno sempre fruttato il medesimo punteggio, e sono sempre risultati equivalenti ai fini di concorsi e percorsi abilitanti. Perché creare, proprio ora, insensate discriminazioni, atte solo a mortificare quanti hanno svolto il loro lavoro accumulando un servizio misto, confidando nell’equivalenza delle occasioni che la vita ha, via via, presentato loro?

Mi auguro che i nodi avviluppati attorno ai requisiti di partecipazione al concorso straordinario vengano sciolti tempestivamente.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia ti offre il suo supporto per la Preparazione ai Concorsi scuola ed aumentare il punteggio per le graduatorie GPS