Concorso straordinario, Forza Italia: “Elevatissimo rischio di contagio, siamo di fronte a governo schizofrenico”

Stampa

“Il concorso per assumere i docenti precari previsto per il 22 ottobre rischia di diventare il concorso per ammalarsi di Covid-19”

Lo denunciano i senatori di Forza Italia, Enrico Aimi, Andrea Cangini, Alessandra Gallone, Francesco Giro, Giuseppe Moles e Francesca Alderisi che presenteranno un’interrogazione al ministro Azzolina.

“Tra poco più di dieci giorni, infatti – spiegano i parlamentari – oltre 64mila persone saranno costrette a spostarsi da tutta Italia per sostenere la prova concorsuale. Questo comporterà naturalmente un rischio elevatissimo di contagio tra migliaia di persone che viaggeranno e si ritroveranno in luoghi e situazioni dove non si possono escludere gli assembramenti”.

“Siamo davanti a un governo schizofrenico che da un lato proroga lo stato di emergenza fino al 31 gennaio, prevede multe spropositate per chi non indossa le mascherine, spende milioni di euro dei soldi pubblici per tentare di assicurare il distanziamento con banchi che ancora non sono arrivati nelle scuole, e dall’altro organizza un concorso di tale portata in piena emergenza”.

“Certo non potevamo aspettarci nulla di diverso da un ministro come la Azzolina, ma è dovere del governo garantire a tutti il diritto di partecipare ad una prova così importante in totale sicurezza. E questo non potrà avvenire in un momento così complesso in cui i dati sull’evoluzione epidemiologica che il governo rende noti sono oggettivamente preoccupanti”.

“Ribadiamo la nostra proposta iniziale: riempire le piante organiche sulla base dei titoli maturati dai precari nel corso degli anni e far svolgere il relativo concorso a fine anno scolastico in modo da non pregiudicare il diritto degli studenti ad avere docenti in carica e quello degli italiani alla salute. Il governo fa ancora in tempo a correggersi – concludono – si fermi e cambi rotta”.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa