Concorso straordinario e ordinario secondaria, per il sostegno serve la specializzazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso straordinario e ordinario per la scuola secondaria di I e II grado: i docenti in possesso del titolo di specializzazione possono scegliere di partecipare per i posti di sostegno. 

I posti disponibili

Dovrebbero essere 24.000 per il concorso straordinario e 24.000 per il concorso ordinario. Non è ancora nota la suddivisione tra posti comuni e sostegno.

Requisiti di accesso ai posti di sostegno

  • titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso
  •  tre annualità di servizio anche non consecutive svolte tra l’a.s. 2011/12 e l’anno scolastico 2018/19 su posto comune o di sostegno
  • almeno un anno di servizio deve essere stato svolto per il sostegno

Inoltre è necessario essere in possesso della specializzazione relativa al grado di scuola scelto.

N.B. Cosa si intende per annualità di servizio

Concorso straordinario: max una procedura

Al concorso straordinario si può scegliere solo una procedura (o posto comune o sostegno)

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Concorso ordinario

Per il concorso ordinario si possono scegliere max quattro procedure

  1. per la scuola secondaria di primo grado (per una sola CdC);
  2. per la scuola secondaria di secondo grado (per una sola CdC);
  3. per i posti di sostegno della scuola secondaria di primo grado;
  4. per i posti di sostegno della scuola secondaria di secondo grado.

Corso di preparazione al concorso ordinario secondaria I e II grado 2019

Specializzandi TFA sostegno IV ciclo ammessi con riserva

Ai concorsi saranno ammessi con riserva i docenti che entro marzo 2020 sono in procinto di conseguire il titolo di specializzazione.

In ruolo anche senza abilitazione disciplinare

Attraverso il concorso straordinario potranno essere immessi in ruolo, per la prima volta, docenti in possesso del titolo di specializzazione sostegno ma non dell’abilitazione sulla disciplina.

Al TFA sostegno infatti  sono stati ammessi anche laureati con 24 CFU e docenti con 3 annualità di servizio, senza abilitazione.

Si tratta di una nuova figura professionale, per la quale non c’è ancora normativa apposita.

Versione stampabile
soloformazione