Concorso straordinario, dopo sei mesi dalla prova poche graduatorie pubblicate e nessuna notizia della suppletiva. Possibile aumento dei posti?

WhatsApp
Telegram

Concorso straordinario per il ruolo di cui al DD n. 510 del 23 aprile 2020: il bando è stato pubblicato ad aprile 2020, le domande sono state presentate in estate, le prove si sono svolte tra il 22 ottobre e il 4 novembre con ripresa tra il 14 e il 19 febbraio. Ma a sei mesi dalle prove svolte a fine ottobre, le graduatorie pubblicate sono ancora poche.

Concorso straordinario per il ruolo, i risultati

Gli USR che hanno pubblicato dei risultati sono solo: Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Sardegna, Puglia, Piemonte e Sicilia ma il numero delle classi di concorso è ancora esiguo.

Ancora del tutto avvolta nel mistero la procedura di formazione dei docenti per l’acquisizione dell’abilitazione dopo il ruolo, nonostante la procedura fosse indicata nella Legge 159/2019.

Nel frattempo il Consiglio di Stato si è espresso favorevolmente allo svolgimento delle prove suppletive per i docenti che sono stati impossibilitati a prendere parte alla procedura nel giorno indicato causa Covid.

E dunque le graduatorie già pubblicate potrebbero subìre delle modifiche, se le prove fossero organizzate e svolte nei tempi per l’assunzione a settembre 2021.
E ancora, si potrebbe prevedere un aumento dei posti, almeno fino a comprendere coloro che hanno superato la prova con il punteggio minimo di 56/80 ma non sono rientrati nel numero dei posti disponibili, come auspicato dal sottosegretario Floridia, che così si è espressa ai nostri microfoniSi sta già concludendo, in questi giorni, un concorso straordinario riservato ai precari storici per 32mila posti che vedrà la metà dei partecipanti salire in cattedra a partire dal 1° settembre 2021. Si potrebbe valutare di implementare i posti dello straordinario già in via di espletamento, strutturato proprio per i precari. E si potrebbero implementare anche i posti dell’ordinario, magari dando immediatamente seguito ai concorsi già banditi, facendolo partire subito con procedure semplificate ma meritocratiche”

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri