Concorso straordinario docenti, 24 CFU e coding: chi li pagherà di tasca propria e chi no

di redazione

item-thumbnail

Concorso straordinario secondaria I e II grado: quando e carico di chi il conseguimento dei 24 CFU in discipline pedagogiche  e metodologie didattiche, nonché delle competenze di coding. 

Requisiti di accesso al concorso straordinario secondaria

Superata la prova scritta, i docenti dovranno affrontare il percorso di abilitazione, che prevede

per i docenti della scuola statale che sono rientrati nei 24.000 posti

  • immissione in ruolo e anno di prova
  • conseguimento dei 24 CFU (se non posseduti) con oneri a carico dello Stato
  • prova orale da superarsi con 7/10
  • conseguimento dell’abilitazione a fine anno prova

N.B. [i vincitori possono comunque conseguire l’abilitazione prima del ruolo se hanno una supplenza al 30 giugno – 31 agosto]

per i  docenti con requisiti scuola statale che hanno conseguito 7/10 alla prova scritta ma non sono rientrati in graduatoria e docenti scuole paritarie, IeFP, docenti di ruolo che hanno conseguito 7/10 alla prova scritta.

I docenti dell’elenco graduato potranno conseguire l’abilitazione

  • se hanno un contratto a tempo indeterminato oppure una supplenza al 30 giugno o 31 agosto nelle scuole statali, IeFP o paritarie (previa regolarità versamento contributi) Non c’è scadenza
  • conseguono i 24 CFu (a proprie spese)
  • Superano la prova orale per il conseguimento dell’abilitazione. La prova orale si svolgerà prima della  valutazione del periodo di formazione iniziale e di prova e dovrà essere superata  con il punteggio di sette  decimi.
  • contenuti e  modalità della prova saranno definiti con decreto.  I comitati di valutazione sono integrati con non meno di due membri esterni all’istituzione scolastica, di cui almeno uno dirigente scolastico, aiquali non spettano compensi, emolumenti, indennità, gettoni di presenza o altre utilità comunque denominate, né rimborsi spese.

Competenze coding

Il Decreto Scuola afferma

Nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, nonché nei corsi di laurea in scienze della formazione primaria, ovvero
nell’ambito del periodo di formazione e di prova del personale docente, sono acquisite le competenze relative alle metodologie e tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding).

Questo significa che l’acquisizione delle competenze di coding riguarda tutti i docenti, sia di infanzia e primaria che secondaria.

Le competenze di coding possono essere acquisite

  • nell’ambito dei 24 CFU in discipline pedagogiche e metodologie didattiche
  • nell’ambito dei corsi di laurea in Scienze della formazione primaria
  • durante l’anno di prova e formazione

Pertanto i docenti che ad oggi sono sprovvisti delle relative competenze e hanno già acquisito i 24 CFU potranno comunque integrare la loro formazione nel corso dell’anno di prova, dopo l’immissione in ruolo

Non è stato specificato, ma probabilmente tali competenze rientreranno nei corsi che i docenti seguono durante l’anno di formazione. Rimane da capire come possa diventare una certificazione, al pari di quelle possedute nell’ambito dei 24 CFU.

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Versione stampabile
soloformazione