Concorso straordinario diplomati magistrale, Fedeli “potrebbe complicarsi”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La remissione alla Corte Costituzionale della decisione sull’ammissione al concorso docenti abilitati di laureati e dottori di ricerca induce a riflessioni sulla tipologia del concorso riservato.

Concorso straordinario per la secondaria

Bandito con DDG n. 85 del 1° febbraio 2018, sulla scorta di quanto indicato dal Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017, è riservato ai docenti in possesso di abilitazione. Non è selettivo e mira alla costituzione di graduatorie di merito regionali.

Adesso è all’attenzione della Corte Costituzionale (non conosciamo i tempi per la riposta).

Concorso straordinario per infanzia e primaria

Previsto dal Decreto Dignità entrato in vigore il 12 agosto 2018, anche per i docenti di infanzia e primaria è stato avviato un concorso straordinario. Requisito di accesso anche in questo caso l’abilitazione, ma sono richiesti anche due anni di servizio sul posto per il quale si concorre.

Se la Corte Costituzionale dovesse ritenere motivate le motivazioni del Consiglo di Stato, anche il concorso pensato per i docenti di infanzia e primaria potrebbe risentirne.

Lo mette in evidenza l’ex Ministro Fedeli “Forse la Consulta ammetterà alcune tipologie di percorsi formativi o potrebbe considerare il concorso straordinario troppo facilitante e leggero e potrebbe annullarlo. Inoltre potrebbe complicarsi ancor più anche il percorso per le diplomate magistrali

Se non avrà senso la tipologia del concorso riservato infatti, e un concorso per definirsi tale dovrà essere aperto a tutti, ne consegue che dovrà essere selettivo.

Per questo motivo i precari, supportati dal sindacato Anief, richiedono l’apertura delle Graduatorie ad esaurimento, utilizzate annualmente per il 50% delle immissioni in ruolo. Apertura che potrebbe diventare realtà se in seno al Milleproroghe sarà mantenuto l’emendamento per l’inserimento dei docenti abilitati in una IV fascia delle GaE.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione