Concorso straordinario bis, quando si svolgerà? Pittoni (Lega): “Non abbiamo potere di intervento, tutto in mano a Palazzo Chigi”

WhatsApp
Telegram

Il bando del concorso straordinario bis non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. C’è una bozza di bando, pubblicata nei giorni scorsi dalla nostra redazione, ma ancora nessuna traccia ufficiale del bando con tutte le info utili. 

Su Facebook, intanto, il senatore della Lega, Mario Pittoni, si scaglia contro PD e M5S: “Lo straordinario bis deriva da un emendamento al Sostegni bis del Pd con l’appoggio del M5s su posti residuali (pensato contro il nostro che apriva a percorsi di stabilizzazione da seconda fascia), nel quale non siamo mai stati coinvolti e ovviamente da noi non votato. Non abbiamo alcun potere d’intervento e a questo punto neanche Pd e M5s, visto che è tutto in mano a uffici che rispondono direttamente a Palazzo Chigi”.

E ancora: “Tutto questo crea confusione, disperdendo energie su cose impraticabili invece di puntare su obiettivi chiari e riconoscibili a livello europeo come il diritto a percorsi formativi abilitanti senza dover prima sottoporsi a prove concorsuali (per giunta a crocette!)”.

Il Ministero propone il concorso solo per la scuola secondaria di primo e secondo grado, e solo per posto comune.

Si tratta di circa 14.000 posti, così distribuiti

TABELLA posti a disposizione

DISTRIBUZIONE PER CLASSI DI CONCORSO  (elaborazione Orizzonte Scuola su dati ministeriali)

NOTA BENE la tabella deve ancora essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Il Ministero pubblicherà l’apposito allegato con la distribuzione dei posti per classe di concorso e regione.

Chi potrà partecipare al concorso straordinario bis

In base alla BOZZA potranno partecipare i docenti che possano vantare

  • abilitazione specifica o titolo di accesso alla specifica classe di concorso ovvero analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente
  • non aver partecipato alle procedure di cui al comma 4 del medesimo articolo 59 o, pur avendo partecipato, non essere stati individuati quali destinatari di contratto a tempo determinato, finalizzato all’immissione in ruolo, ai sensi del medesimo comma
  • avere svolto, a decorrere dall’anno scolastico 2017/2018 ed entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, un servizio nelle istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni anche non consecutivi, valutati ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124.
  • una delle annualità nell’arco temporale considerato deve essere specifica, cioè svolta per la classe di concorso per la quale si richiede di partecipare.

Sono ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito all’estero i titoli di accesso, abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimento ai sensi della normativa vigente entro il termine per la presentazione della domanda al concorso.

Il servizio svolto su posto di sostegno, anche senza titolo di specializzazione è considerato valido ai fini della partecipazione alla procedura straordinaria per la classe di concorso, fermi restando titolo di accesso e anno di servizio specifico.

Serve l’anno di servizio specifico (su posto comune, non su sostegno) per la classe di concorso per cui si partecipa.

Le annualità previste per l’accesso valgono solo se svolte nella scuola statale, anche in gradi di scuola diversa o su posto di sostegno anche senza specializzazione (cioè si possono far valere due anni su sostegno e uno su disciplina, ma non tre su sostegno per abilitarsi nella classe di concorso).

Sarà possibile far valere anno scolastico 2021/22. Il conteggio delle cinque annualità prevede infatti

  • 2017/18
  • 2018/19
  • 2019/20
  • 2020/21
  • 2021/22

Quindi serve l’anno di servizio specifico per la classe di concorso per cui si partecipa. Le annualità previste per l’accesso valgono solo se svolte nella scuola statale, anche in gradi di scuola diversa o su posto di sostegno anche senza specializzazione (cioè si possono far valere due anni su sostegno e uno su disciplina, ma non tre su sostegno per abilitarsi nella classe di concorso.

Possono partecipare sia i docenti precari che di ruolo, purché in possesso dei requisiti richiesti. Sono esclusi

  • i docenti che sono stati assunti dalla procedura art. 59 comma 4 del Decreto sostegni bis da prima fascia GPS ed elenco aggiuntivo, a prescindere dalla tipologia di posto su cui sono stati assunti (se sostegno o classe di concorso)

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur