Concorso straordinario bis, prova orale: assistenza, ausili e tempi aggiuntivi aspiranti con disabilità. Come richiederli

WhatsApp
Telegram

Le domande di partecipazione al concorso straordinario bis si possono presentare sino al prossimo 16 giugno. Cosa devono fare gli aspiranti che necessitano di assistenza, nonché di ausili e di eventuali tempi aggiuntivi per lo svolgimento della prova orale. 

Domande

Le domande di partecipazione al concorso si presentano in modalità telematica, sino alle ore 23.59 del 16 giugno 2022, tramite l’applicazione “Piattaforma concorsi e procedure selettive”, cui accedere con le credenziali SPID o con quelle della Carta di identità elettronica ovvero, in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero con l’abilitazione specifica al servizio Istanze Online. Accedi alla domanda– Qui la nostra guida per immagini 

Procedura

Presentata l’istanza, inizieranno gli step della procedura straordinaria in esame, prevista dall’articolo 59, comma 9-bis del DL 73/2021 (convertito in legge n. 106/2021), come sostituito dall’articolo 5, comma 3-quinquies, del DL 228/2021 (convertito in legge n. 15/2022) e volta a coprire i posti residuati dalle immissioni in ruolo ordinarie (da GM e GaE) e dalle assunzioni straordinarie (da GPS prima fascia) a.s. 2021/22. Ecco gli step in cui si articola la procedura:

  • concorso consistente in prova disciplinare (prova orale) e valutazione dei titoli;
  • redazione graduatorie di merito, formate in base ai punteggi ottenuti nella prova disciplinare e nella valutazione dei titoli e comprendente i soli vincitori di concorso;
  • assunzione a tempo determinato nell’a.s. 2022/23;
  • svolgimento nel 2022/23 di un percorso di formazione universitario con prova conclusiva;
  • svolgimento, nel corso della durata del contratto a tempo determinato a.s. 2022/23, del percorso annuale di formazione iniziale e prova di cui all’articolo 13 del D.lgs. n. 59/2017;
  • assunzione a tempo indeterminato, previo superamento della prova finale del percorso di formazione universitario e previa valutazione positiva del percorso annuale di formazione iniziale e prova, con decorrenza giuridica ed economica dal 1° settembre 2023 o, se successiva, dalla data di inizio del servizio, nella medesima scuola di assunzione a tempo determinato;
  • conseguimento dell’abilitazione all’atto della conferma in ruolo.

Prova orale

L’unica prova concorsuale consiste in una prova orale che:

  • è finalizzata all’accertamento della preparazione del candidato, secondo quanto previsto dall’Allegato A al DM n. 108/2022 (disciplinante il concorso)
  • valuta la padronanza delle discipline;
  • valuta la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese, almeno al livello B2 del QCER per le lingue, ad eccezione dei candidati partecipanti per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02 per la lingua inglese;
  • ha una durata massima di 30 minuti, fatti salvi gli eventuali tempi aggiuntivi e gli ausili previsti dalla normativa vigente;
  • è condotta, per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02, nella lingua straniera oggetto di insegnamento;
  • non prevede una prova pratica;
  • è valutata al massimo 100 punti;
  • non prevede una soglia minima per il superamento.

Assistenza, ausili e tempi aggiuntivi

Le disposizioni, relative all’assistenza, agli ausili e ai tempi aggiuntivi per alcune categorie di candidati, sono presenti sia nel DM n. 108/2022, che disciplina il concorso, sia nel relativo bando (DD n. 1081/2022): art. 4/2 DM 108/2022; art. 4/5 lettera j) e art. 5 DD 1081/2022.

In base alla citata normativa, possono fruire dell’assistenza durante la prova orale e quindi di ausili ed eventuali tempi aggiuntivi gli aspiranti di cui all’articolo 20 della legge n. 104/92, ossia gli aspiranti con disabilità certificata (l’articolo 20 predetto non specifica se la disabilità debba essere lieve o grave, per cui la disposizione è valida in entrambi i casi).

Al fine suddetto:

  1. gli aspiranti dichiarano nella domanda di partecipazione al concorso la necessità di assistenza e quindi gli ausili necessari e gli eventuali tempi aggiuntivi per lo svolgimento della prova;
  2. presentano poi apposita richiesta, almeno 10 giorni prima dell’inizio della prova, al competente USR (ossia quello della regione di partecipazione al concorso), tramite PEC o con raccomandata postale con avviso di ricevimento; la richiesta deve essere corredata da certificazione attestante le condizioni dell’aspirante, con apposita dichiarazione resa dalla commissione medico legale dell’ASL di riferimento o da struttura pubblica equivalente, che espliciti le limitazioni dell’interessato in funzione della prova concorsuale.

Effettuata la dichiarazione nell’istanza di partecipazione e inviata la richiesta:

  • le modalità di svolgimento della prova possono essere concordate telefonicamente con l’USR competente; dell’accordo raggiunto il predetto Ufficio redige un sintetico verbale che invia all’interessato;
  • l’assegnazione di ausili e/o tempi aggiuntivi è determinata a insindacabile giudizio della Commissione esaminatrice, sulla base della documentazione presentata e sull’esame obiettivo di ogni specifico caso.

Precisiamo che:

  • l’assistenza nello svolgimento della prova è prevista per i candidati affetti da patologie limitatrici dell’autonomia;
  • la mancata presentazione della documentazione di cui sopra, nei tempi suddetti (ossia 10 giorni prima dell’inizio della prova), non consentirà all’Amministrazione di predisporre una tempestiva organizzazione e l’erogazione dell’assistenza richiesta.

Concorso straordinario bis: domanda entro il 16 giugno. Come si formerà la graduatoria: prova orale e titoli. SPECIALE

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur