Concorso straordinario, appello docenti precari a Conte: faccia svolgere prove nella regione di appartenenza

Stampa

inviato da Prof. Carlo Scibetta Coordinamento precari per la prov. di Agrigento –  Il concorso straordinario costituisce ormai un evidente pericolo per i tanti candidati costretti a spostarsi da una regione all’altra, per via delle aggregazioni interregionali previste.

I numeri della pandemia, in preoccupante ascesa, ci portano ad appellarci a Lei Presidente Conte affinché nel nuovo DPCM, in elaborazione, si blocchi, con effetto immediato, questo concorso che in questo particolare momento risulta assolutamente assurdo e pericoloso, evitando così la mobilità di centinaia di migliaia di precari che dovrebbero spostarsi da una regione ad un’altra con evidente pericolo per la salute propria e per la salute pubblica.

In subordine si disponga affinché le prove si possano espletare nella regione di appartenenza ed evitando almeno spostamenti interregionali.

Sicuri di un suo immediato intervento ispirato al buon senso.

 

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia