Concorso straordinario abilitante, data del 15 dicembre. Proposta che al momento non trova riscontro

Stampa

Concorso straordinario abilitante indetto con DD n. 497 del 21 aprile: dopo la presentazione della domanda entro il 15 luglio 2020, è caduto nel dimenticatoio. Un accantonamento da attribuire solo all’emergenza sanitaria o a motivazioni legate ad una rivisitazione della formazione iniziale degli insegnanti?

La seconda spiegazione, seppure possa essere in qualche modo avallata, non trova giustificazione nell’aver accantonato una procedura per la quale gli aspiranti hanno presentato la domanda e pagato il contributo di diritto di segreteria (10 euro a persona).

Durante la fase di conversione del Decreto Sostegni bis era emersa la data del 15 dicembre come termine ultimo per avviare la prova selettiva, ma tale data non è confluita nella stesura finale del DL 73/201.

Rimane pertanto come “una chimera” da raggiungere, ma non un imperativo di legge per i rappresentanti del Ministero.

D’altronde a conti fatti la procedura potrebbe intrecciarsi con il nuovo concorso straordinario, questo sì, previsto dal Decreto Sostegni bis entro il 31 dicembre sui posti ancora residui dalle immissioni in ruolo 2021/22.

Attendiamo, con calma.

Ma nelle classi  ci sono migliaia di docenti che non sono in possesso dell’abilitazione. Delle due l’una: o non  è importante, oppure bisognerebbe correre ai ripari dato che l’ultimo corso di abilitazione per docenti in Italia risale al 2014. Preistoria rispetto alle innovazioni intercorse nella scuola nel frattempo.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur