Concorso straordinario, a vincerlo anche tanti docenti già di ruolo. Come conseguiranno l’abilitazione?

WhatsApp
Telegram

Concorso straordinario 2020: nella procedura manca un passaggio essenziale, al quale si rischia di prestare poca attenzione. Il DL Sostegni bis infatti introduce una sostanziale modifica alla legge 159/2019, nella quale il concorso era suddiviso in due parti: la prova scritta e il percorso per il conseguimento dell’abilitazione, le cui modalità dovevano essere affidate ad un decreto ministeriale mai pubblicato.

Le graduatorie

Fanno parte delle graduatorie i docenti che hanno superato la prova con almeno 56/80 e rientrano nel numero dei posti a bando, come indicato dall’allegato A del DD n. 783 dell’08 luglio 2020

La graduatoria è formata sommando

  • punteggio prova scritta (minimo 56, max 80)
  • punteggio titoli max 20 Cosa fa punteggio in graduatoria
  • vengono indicate eventuali preferenze
  • vengono indicate eventuali riserve

L’elenco non graduato

Fanno parte dell’elenco non graduato (chiamati “idonei” ma la dicitura non è corretta) i docenti che hanno superato la prova con almeno 56/80 ma non rientrano nel numero dei posti a bando. Secondo il DD n. 510 del 23 aprile potranno conseguire l’abilitazione ma non essere assunti da questa procedura di reclutamento.

La novità del Decreto Sostegni bis

N.B. Graduatorie ed elenco non graduato vengono pubblicati secondo la normativa attualmente esistente. Il Decreto Sostegni bis ha apportato una novità, ossia l’integrazione della graduatoria con tutti i docenti che hanno superato la prova scritta con almeno 56/80 ma per le modifiche bisognerà attendere l’iter parlamentare del Decreto e poi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Pertanto tutti coloro che hanno superato la prova con almeno 56/80 dovranno essere inseriti in graduatoria in base al punteggio spettante ed essere assunti per scorrimento della graduatoria.

Ci sono i vincitori, ma non ancora l’abilitazione

E tuttavia bisogna ancora considerare un particolare importante: la legge 159/2019, da cui il concorso straordinario deriva, prevedeva un percorso da definire, a cui il docente assunto da concorso straordinario doveva essere avviato per poter conseguire l’abilitazione.

Tale percorso non è mai stato definito durante il Ministero Azzolina, mentre nel Decreto Sostegni bis viene addirittura cancellato.

Come si conseguirà dunque l’abilitazione?

All’atto dell’immissione in ruolo? O alla fine dell’anno di prova? E secondo quale previsione normativa? Da un lato la preparazione acquisita con i 24 CFU e le competenze maturate con i 3 anni di servizio potrebbero essere il lasciapassare per considerare il concorso abilitante, dall’altro però bisognerà dare una concretezza normativa a tale modifica.

E i docenti di ruolo?

Una riflessione merita anche la situazione di quei docenti di ruolo che hanno partecipato al concorso straordinario per il ruolo con l’obiettivo di conseguire un’ulteriore abilitazione utile per il passaggio di ruolo o cattedra. Pertanto potrebbero non essere interessati all’immissione in ruolo, ma alle modalità per il conseguimento dell’abilitazione.

Concorso straordinario per il ruolo, chi supera prova scritta.

Concorso straordinario docenti, si accelera sulle graduatorie: 32.000 posti per il ruolo da settembre 2021. In aggiornamento

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito