Concorso STEM, docenti idonei chiedono graduatoria di merito: “Assurda la nostra esclusione” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

Oggi pomeriggio nuovo incontro tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione in merito ad un nuovo concorso STEM. Sono previsti oltre 6mila posti per le discipline scientifico-matematiche che saranno assegnati con la procedura concorsuale semplificata dal decreto sostegni-bis dello scorso luglio.

Come riferiamo a parte su questo ci sarà battaglia con i sindacati, al momento, non entusiaste dalla soluzione prospettata da Viale Trastevere. Il Ministero, infatti, vorrebbe destinare l’intero contingente residuo al concorso STEM.

Per contingente residuo si intende i posti non assegnati dalla fase ordinaria (GaE e concorsi 2016 e 2018) e straordinaria (prima fascia GPS) per mancanza di candidati.

Ma a fronte di questi posti vuoti e non coperti, ci sono migliaia di “docenti  idonei”. Con questa espressione indichiamo i docenti che hanno superato le prove del concorso bandito per le classi di concorso STEM A020, A026, A027, A028, A041 con DD n. 826 dell’11 giugno 2021  ma sono stati assunti perchè collocati in graduatoria oltre il numero dei posti a bando.

Cosa dovrebbero fare adesso? Partecipare al nuovo concorso?

A Orizzonte Scuola interviene Danilo Rafaschieri, rappresentante degli Idonei del concorso tenutosi a luglio scorso.

Qual è la sua situazione?

“Ho superato il concorso ma non essendo rientrato nei posti messi a bando (i quali erano ancora quelli calcolati per il 2019, mentre il bando risaliva ad Aprile 2020), non sono stato immesso in alcuna graduatoria”.

Si può parlare di beffa?

“Sì, non ritrovarsi in alcuna graduatoria dopo un concorso selettivo è assurdo perché se da una parte il concorso è stato “semplificato” in quanto è stata eliminata la prova preselettiva, il resto delle prove non è stato per nulla semplice, e lo dimostra la grande selezione scaturitane”.

Perché si parla di assurdità della vostra esclusione?

“L’assurdità della nostra esclusione sta nel fatto che, mentre si svolgevano le prove, venivano autorizzate dal MEF ulteriori cattedre e tuttora si legge sui giornali della penuria degli insegnanti di materie STEM, io stesso sono stato chiamato da tante scuole, i presidi ci richiedono, ci arrivano appelli su Facebook, e persino sul nostro canale Telegram, eppure il ministero fino ad ora non ha dato ascolto ai nostri numerosi appelli”.

Cosa chiedete?

“Noi idonei non siamo contro il doppio reclutamento né contro il nuovo concorso, purché si trovi il modo di ripartire i posti sui vari canali in modo equo, equità che fino ad ora non ci è stata riservata, visto che l’ampliamento dei posti è stato previsto per lo straordinario svoltosi poco prima dello STEM, ma per noi no. Chiediamo l’ottenimento di una graduatoria di merito, che vista la richiesta e l’esiguo numero di idonei nelle varie regioni si esaurirebbe in pochi anni”.

Sulla nuova procedura?

“Assurdo e oltremodo dispendioso bandire un concorso sulle classi di concorso quando il precedente in alcune regioni non si è ancora concluso sulle stesse classi, quando ci sono idonei già selezionati e pronti nelle regioni in cui si è appena concluso”.

Avete avuto modo di interloquire con rappresentanti politici? 

“Noi come comitato idonei abbiamo cercato di sensibilizzare la politica sulla nostra situazione. Siamo riusciti a interloquire con il M5S e il PD da cui sono scaturite due interrogazioni parlamentari, una ad opera di Luigi Gallo (M5S) e una ad opera di Lucia Ciampi (PD). In più abbiamo avuto contatti con Forza Italia, Gruppo Misto, che speriamo concorrano alla nostra causa”. 

Nuovo concorso STEM, dubbi sui 6.000 posti: verranno sottratti al nuovo concorso straordinario di dicembre 2021?

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA