Concorso sostegno: moderata soddisfazione da Coordinamento Nazionale Specializzati Sostegno II fascia GI

WhatsApp
Telegram

inviato da Marco Di Pirro – Il Coordinamento degli specializzati sostegno di seconda fascia esprime moderata soddisfazione per l’istituzione di un concorso per titoli ed esami dedicato esclusivamente al sostegno.

inviato da Marco Di Pirro – Il Coordinamento degli specializzati sostegno di seconda fascia esprime moderata soddisfazione per l’istituzione di un concorso per titoli ed esami dedicato esclusivamente al sostegno.

Teniamo ad informare sui diversi aspetti, nient’affatto scontati, che hanno portato l’esecutivo ad interessarsi seriamente del tema specifico e che, nonostante pressanti richieste, fondate tecnicamente e giuridicamente, non hanno permesso di arrivare ad una procedura per soli titoli.

In primo luogo, grazie anche all’azione del coordinamento, l’attenzione sul tema del sostegno ha goduto di una propria specificità che pone le sue radici sull’enorme fabbisogno che ogni anno si risolve nell’assegnare migliaia di cattedre in supplenza (oltre 40000 nell’a.s 2014/2015), la maggior parte a non specializzati, ledendo il particolare diritto degli alunni con disabilità a personale specializzato.

Un’autentica emorragia che si verificherà puntualmente anche nel prossimo anno scolastico, quando l’Amministrazione molto probabilmente non avrà specializzati a sufficienza per coprire la Terza tranche del Piano Carrozza, nonostante siano presenti poco più di 2000 specializzati in seconda fascia d’istituto (TFA + SFP) selezionati ben due volte nel giro di pochi anni e formati con un corso di specializzazione durissimo.

Non procedere per una selezione selettiva specifica dedicata al sostegno, avrebbe significato effettuare il concorso sulla disciplina e in quelle discipline con pochi posti messi a bando, sostenere un’ulteriore dura e ostinata selezione con la nefasta conseguenza di disperdere risorse, in considerazione anche del limite del 10% degli idonei. E in quelle discipline dove il concorso non sarà bandito? Ovviamente gli specializzati non avrebbero partecipato.

In considerazione della chiusura completa per l’assunzione diretta per gli abilitati e specializzati di seconda fascia, il Coordinamento ha dialogato a lungo sia con importanti esponenti della maggioranza che con il Ministero, dove con garbo e convinzione ha espresso la validità e opportunità, fondata tecnicamente e giuridicamente, di istituire per il sostegno una procedura selettiva per soli titoli, ponendo l’accento sulla doppia selezione intrapresa in poco più di due anni, sull’evidenza che in GAE non ci saranno specializzati a sufficienza per coprire le cattedre del terzo anno Piano Carrozza e che nel prossimo concorso i posti rischiano di essere di più degli specializzati, ma la risposta è stata netta e decisa: concorso per titoli ed esami.

Tale risposta è stata dettata dalla non volontà del MIUR di procedere solo per il sostegno ad una procedura per soli titoli, anche per via della costituzionalità che ci è stata più volte ribadita.

Il Coordinamento pertanto gioisce a metà, ringrazia per questo parziale riconoscimento e si renderà attivo affinché sia dato il giusto peso alla parola “esami” tale da non impedire un ulteriore spreco di risorse di cui la scuola ha urgente bisogno.

COORDINAMENTO SEPCIALIZZATI SECONDA GI

#SOSTEGNO2GI

https://www.facebook.com/groups/424190704390783/

DDL Riforma Scuola. Ci sarà apposito concorso per sostegno

WhatsApp
Telegram

Eurosofia e Udir presentano l’evento formativo “PNRR, Start-up per dirigenti scolastici – Attuazione delle linee di investimento”. Roma 25 agosto 2022