Concorso scuola secondaria 2019: quali titoli avranno specifico punteggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il nuovo concorso per la scuola secondaria, delineato nella legge di bilancio che modificherà il decreto legislativo n. 59/2017, presenterà delle novità anche in merito alla valutazione dei titoli. Vediamo quali, ricordando dapprima come si articola il nuovo concorso e i requisiti per partecipare allo stesso.

Concorso secondaria: articolazione

Il concorso per i posti comuni prevede tre prove:

  • due prove scritte
  • una orale

Il concorso per i posti di sostegno prevede due prove:

  • una prova scritta
  • una prova orale

Concorso secondaria: requisiti partecipazione

Il requisito d’accesso ai prossimi concorsi sarà il possesso dell’abilitazione specifica nella classe di concorso oppure il possesso congiunto della laurea e 24 crediti formativi universitari  in discipline antropo– psico– pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche.

Concorso secondaria: valutazione e valorizzazione titoli

L’articolo 3, comma 6, del novellato D.lgs. 59/2017, prevede che sarà un decreto del Miur a definire (tra le altre cose) la tabella dei titoli accademici, scientifici e professionali valutabili.

I predetti titoli costituiranno al massimo il 20% del punteggio complessivo.

Tra i titoli sopra menzionati (accademici, scientifici e professionali) saranno particolarmente valorizzati:

  • il dottorato di di ricerca;
  • l’abilitazione specifica conseguita tramite percorsi selettivi di accesso;
  • il superamento delle prove di un precedente concorso ordinario per titoli ed esami nelle specifiche classi di concorso;
  • il possesso di titoli accademici nell’ambito della pedagogia speciale e
    didattica dell’inclusione.

Legge bilancio, concorso a cattedra riformato: addio FIT, si a 24 CFU, 4 anni senza mobilità, titolo abilitante. Il testo

Versione stampabile
anief banner
soloformazione