Concorso secondaria, atteso il calendario delle prove: per il ruolo contano anche i titoli ma non è possibile aggiungerne nuovi

WhatsApp
Telegram

Concorso scuola secondaria primo e secondo grado: attesa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che riformula le prove, semplificando l’intera procedura. I candidati dovranno superare una prova scritta e una prova orale. Chi supererà le prove avrà l’abilitazione ma la graduatoria sarà formata da punteggio prove + punteggio titoli.

Domande presentate entro il 31 luglio 2020

Le domande di partecipazione al concorso indetto con DD n. 498 del 21 aprile 2020 sono state presentate entro il 31 luglio 2020.

All’interno della domanda gli aspiranti hanno presentato anche i titoli valutabili. Di conseguenza i titoli presentati non potranno essere integrati con eventuali nuovi acquisiti dopo tale data.

Perché sono importanti i titoli

Posto che acquisiranno l’abilitazione per la specifica classe di concorso tutti i candidati che supereranno le prove, la graduatoria sarà invece formata da prove + titoli.

Potranno avere l’incarico a tempo indeterminato esclusivamente i docenti che si collocheranno nel numero dei posti a bando.

Prove svolte a distanza di un anno e mezzo dalla domanda

Svolgere le prove a così tanto tempo di distanza dalla presentazione della domanda potrebbe in qualche modo “falsare” l’esito in relazione ai titoli. Numerosi aspiranti potrebbero nel frattempo aver conseguito altri titoli valutabili ed eventualmente rientrare con quelli nel numero dei posti disponibili per il ruolo.

Una vicenda complicata quella del concorso ordinario, alla quale non si è ancora posta la parola fine.

Corso di preparazione al concorso ordinario – Edizione 2021/2022

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito