Concorso scuola. Il Tar deve capire che ci sono persone che non hanno potuto conseguire l’abilitazione. Lettera

Stampa

Inconcepibile! È sempre più chiaro che siamo in mano ad una manica di incompetenti. Dopo le assurdità del governo ci siamo affidati ad un tribunale per tentare di avere giustizia, ma evidentemente sono tutti sordi. 

Inconcepibile! È sempre più chiaro che siamo in mano ad una manica di incompetenti. Dopo le assurdità del governo ci siamo affidati ad un tribunale per tentare di avere giustizia, ma evidentemente sono tutti sordi. 

Ma non hanno capito che ci sono persone che non sono abilitate perché non hanno potuto abilitarsi? (ribadisco potuto non non voluto!).

a non hanno capito che ci sono persone che si trovano in questa situazione solo perché sono nate nell'anno sbagliato? Il mio caso, uno dei tanti. Una mia collega che ha la stessa identica mia laurea ma un anno in più di me ha potuto accedere all'ultimo concorso per insegnanti nel 1999; non ha mai insegnato ma è stata assunta l'anno scorso. Io mi sono laureata l'anno successivo (ho un anno in meno), non ho quindi potuto fare il concorso; ho anni di esperienza alle spalle e una abilitazione, ma sono ancora in alto mare. Sfortuna vuole che, tra l'altro, sono abilitata (perché lo stato mi ha abilitata) in una classe di concorso stagnante e a causa di ignoranza e arroganza non posso partecipare al concorso per una classe di concorso simile poiché non appartiene allo stesso ambito, ma per la quale regolarmente insegno dalla terza fascia.

Così come il mio caso ce ne sono migliaia. Classi di concorso accorpate (con gente che si trova a dover studiare materie che poi non potrà insegnare!), lauree di accesso alle classi sbagliate (vedi licei artistici); classi cui sono state tolte materie con la conclusione che si perderanno posti di lavoro; classi prima inesistenti che non annoverano abilitati (vedi licei musicali e coreutici). Hanno fatto dei pasticci infiniti che sarà veramente impossibile mettere a posto. Nessuno è contento di questa situazione. Siamo gestiti da gente che non ha mai messo piede in una scuola (primaria o secondaria che sia) ma che si crede talmente onnipotente da permettersi di non ascoltare chi di scuola se ne intende (cioè chi ci lavora tutti i giorni da anni!).  Mi pento amaramente di essermi iscritta a questa ennesima aberritá tutta italiana.

Elisabetta De Bernardi

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur