Concorso scuola secondaria, “intervenire sui quiz errati e pubblicare la banca dati dei quesiti”: la Flc Cgil scrive a Bianchi

WhatsApp
Telegram

Il segretario generale della FLC CGIL Francesco Sinopoli ha scritto al Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in merito ai problemi del concorso ordinario secondaria, in particolare sui quiz errati che sono stati segnalati dai candidati e sulla possibilità di pubblicare la banca dati.

Come sindacato abbiamo ricevuto molte segnalazioni da parte degli aspiranti coinvolti nelle prove scritte del concorso ordinario della secondaria rispetto a quesiti errati o formulati in maniera ambigua. Abbiamo puntualmente analizzato questi casi e trasmesso al Ministero le casistiche che ci sembravano fondate o meritevoli di approfondimento“, scrive Sinopoli.

Per questo motivo, “data la mole di queste segnalazioni e l’alto tasso di bocciature finora informalmente riscontrato, abbiamo chiesto al Ministero di dare seguito alle previsioni contenute nell’art. 19 Dlgs 14 marzo 2013 n. 33 riguardo alla pubblicazione dei quesiti somministrati nelle prove sinora svolte“.

E ancora: “Abbiamo chiesto che siano diffusi i dati ufficiali sui candidati che hanno superato le prove scritte sin qui svolte e che questo dato sia aggiornato costantemente con il prosieguo delle prove“.

Infine il segretario FLC CGIL, rimarca di aver “chiesto inoltre la convocazione delle organizzazioni sindacali per avviare un ampio confronto sulle procedure di reclutamento e la riforma prevista nel PNRR. Questo confronto è oggi necessario e potrebbe costituire un’occasione preziosa per la scuola e per il Ministero di definire finalmente un sistema di reclutamento a regime stabile, affidabile ed efficace, incentrato su solidi percorsi di formazione in ingresso, che consuetando si superare il modello nozionistico dei quiz a favore di un modello incentrato sulla formazione delle competenze metodologiche e didattiche irrinunciabili per  la professionalità docente”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia