Concorso scuola secondaria 2019, come funziona riserva posti 10% docenti tre anni servizio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Atteso nel corso del 2019 il concorso scuola secondaria di primo e secondo grado. I docenti con tre anni di servizio negli ultimi otto, di cui uno nella classe richiesta, usufruiscono della riserva del 10% dei posti.

I requisiti indicati sono frutto delle modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 al decreto legislativo n. 59/2017.

Requisiti di accesso al concorso

Per i posti comuni
  • abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
  •  laurea (con piano di studio completo per l’accesso a quella classe di concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche oppure
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso richiesta (no 24 CFU) oppure
  • laurea + 3 anni di servizio svolti negli ultimi otto (no 24 CFU). Si partecipa per una delle classi di concorso per cui si ha  un anno di servizio.

Per i posti di insegnante tecnico-pratico:

  • diploma valido per l’accesso alla classe di concorso richiesta fino al 2024/15 (no 24 CFU) poi abilitazione o laurea triennale

Per i posti di sostegno:

  • requisiti (quelli per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP) più il titolo di specializzazione su sostegno.

N.B. Controlla chi è escluso dal conseguimento dei 24 CFU

Docenti con 3 annualità di servizio

Come detto, i docenti con tre annualità di servizio, anche non continuativo, su posto comune o di sostegno, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, potranno partecipare al concorso con la sola laurea, senza quindi i 24 CFU per una delle classi per le quali hanno un anno di servizio.

Le tre annualità di servizio devono essere state svolte presso le “istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione”, quindi scuole statali, paritarie, istruzione formazione IeFP per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione.

Tale beneficio  è previsto soltanto “in prima applicazione”, cioè per il primo dei concorsi che saranno banditi ogni due anni.

Come si calcolano le tre annualità

Come funziona la riserva del 10% dei posti

Altro beneficio di cui i docenti con 3 annualità di servizio (alle condizioni di cui sopra) potrà usufruire nel concorso 2019 è la riserva del 10% dei posti a bando.

Es. se ci sono 50 posti per la classe di concorso X, 5 sono riservati ai docenti che partecipano con il requisito dei tre anni di servizio e hanno superato le prove.

In questo caso, per usufruire della riserva possono scavalcare eventuali docenti non triennalisti con punteggio superiore.

A prescindere dalla riserva (che va intesa come beneficio in più), i docenti “triennalisti” concorrono comunque per  tutti i posti disponibili.

Versione stampabile