Concorso scuola, “quesiti impropri e mal posti con errori ortografici”. La protesta di alcuni candidati A060

WhatsApp
Telegram

Continuano ad arrivare alla nostra redazione segnalazione in merito al concorso scuola. L’ultimo caso riguarda la classe di concorso A060.

A scrivere è un corposo gruppo di partecipanti che il 23 marzo (turno antimeridiano) ha sostenuto la prova computer based e che non ha raggiunto il punteggio almeno minimo per superare la prova.  In attesa della pubblicazione ufficiale dei relativi quesiti, il gruppo, in un corposo documento, segnala dubbi sulle prove

“Gli organi di vigilanza hanno gestito in modo autonomo il regolamento di concorso, comportando trattamenti disomogenei tra i concorrenti”, si legge.

Un gruppo di candidati avanza dubbi su alcuni quesiti. “Una domanda chiedeva quale fosse un prodotto derivato della sostanza grassa del latte: una domanda simile può avere una doppia interpretazione: infatti dalla sostanza grassa del latte si ricava la panna, che altro non è che il grasso stesso, ossia la crema, che è separata dal latte nel processo di centrifugazione, ma allo stesso tempo è possibile ricavare il burro, ottenuto con una serie di lavorazioni successive, ma comunque un derivato della sostanza grassa del latte. La domanda, se effettivamente così formulata come riportato dai più, sarebbe dovuta essere esplicitata meglio, precisando per esempio un processo di lavorazione distintivo per discernere tra l’uno e l’altro prodotto derivato. Ancora non si conosce quale delle due risposte sia considerata dal Ministero esatta, ma in termini di oggettività, risultano valide entrambe”.

E ancora: “Una domanda chiedeva a cosa si ispirasse la dieta contenente i dietary gol? Tale domanda contiene un palese errore ortografico. Gol infatti dovrebbe stare per “goals”, che in inglese significa obiettivi. Un errore di battitura, in una prova concorsuale di tal genere, cioè puntuale e coincisa, è sicuramente fuorviante. Una domanda la cui risposta può essere più determinata dall’intuito degli aspiranti che riescono ad essere lucidi in una prova concorsuale, facendo riferimento al fatto che la dieta mediterranea è da sempre prototipo esemplare di dieta sana, che per la reale conoscenza e competenza della materia; tuttavia si sa che al momento di un concorso, lucidi certamente non si è, ed è facilissimo cadere in errore anche su sciocchezze”.

E ancora altri candidati, invece, segnalano altri problemi: “In alcune sedi per la medesima classe di concorso è stato concesso l’uso di carta e penna, in altre no. Si consideri che nell’esecuzione dei calcoli, sia dei circuiti, che, soprattutto, delle trasformazioni di numeri binari in decimali e viceversa, tali ausili (per altro legittimi come si evince da DD del 05/01/’22 che rimanda al DL 25/05 art. 4 punto 9 pag. 5) possono determinare la differenza fra una risposta esatta e una errata. La negazione di tali supporti è stata dunque una grave privazione di un diritto legittimo”.

Non solo: i candidati lamentano anche quiz mal posti con dubbia interpretazione.

Ad esempio “era presente un quesito sulla densità con 4 opzioni di risposta tutte errate e che ha fatto perdere svariato tempo a tutti quelli che cercavano invano una alternativa corretta”.

E ancora: “vi era una domanda con specifiche tecniche riguardo la Ram che aveva almeno 2 opzioni di risposta potenzialmente corrette, se non fosse che tutte e 4 le opzioni a disposizione si riferivano, erroneamente, alla cella di memoria di un bit, anziché di un byte; quindi, anche in questo caso, in teoria, le opzioni erano tutte errate”; un quesito relativo ai metalli duri aveva due opzioni di risposta corrette; una domanda riguardante i livelli di Spid e a dir poco capziosa, aveva anch’essa due risposte ugualmente valide; anche in un quesito sulla memoria aggiuntiva, le opzioni di risposta valide erano due”. 

Concorso scuola secondaria, continuano le prove: lunedì A012, martedì A049. Il calendario aggiornato

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur