Concorso scuola, graduatorie di merito a scorrimento anche per quello della secondaria. La richiesta degli idonei

WhatsApp
Telegram

Il Coordinamento Idonei Concorso Ordinario Secondaria chiede che vengano istituite graduatorie di merito a scorrimento (GM) per l’immissione in ruolo;

Tali insegnanti hanno infatti superato un Concorso Ordinario altamente selettivo, ottenendo un punteggio di almeno 70/100 sia allo scritto (mediante un complesso quiz a crocette di 50 domande, di cui 40 su materia, 5 di informatica e 5 di inglese) che all’orale (mediante la presentazione davanti ad una commissione di docenti di ruolo di un’attività didattica, con estrazione della traccia 24 ore prima, cui si aggiunge un colloquio in inglese a livello B2 del QCER) dimostrando quindi sia le loro conoscenze nozionistiche che competenze metodologiche e didattiche.

I candidati che hanno dovuto affrontare le prove concorsuali sono prevalentemente insegnanti precari, che hanno letteralmente “buttato il sangue” dividendosi tra i numerosi impegni scolastici (ulteriormente complicati dalle disposizioni Covid-19) e lo studio, senza dimenticare gli spostamenti (anche extra-regionali) per raggiungere le sedi concorsuali. In un’ottica di tutela del “merito” questo immane sacrificio, che ha richiesto un cospicuo utilizzo di energie, non può essere ignorato ed è impensabile che questi candidati-lavoratori, qualora non dovessero rientrare nei posti messi a bando, debbano affrontare nuovamente un nuovo concorso dopo aver sacrificato 2 anni interi di vita (fu infatti bandito tramite il Decreto n. 499 del 2020) per la preparazione del concorso stesso. Va inoltre aggiunto che per molti insegnanti precari esso è stato la prima occasione, dopo 8 anni, per il conseguimento dell’abilitazione (l’ultimo TFA su materia risale al 2014) e che molti non hanno potuto partecipare (per assenza dei requisiti di servizio) allo Straordinario Secondaria dell’anno scorso (comprensivo di una prova scritta, a fronte delle due o tre dell’Ordinario Secondaria).

La soluzione della creazione di graduatorie a scorrimento (GM) proposta dal Coordinamento, oltre a dare il giusto merito ai candidati che hanno superato le prove, risponde anche a rilevanti necessità concrete:
Coprire i posti degli imminenti pensionamenti, come si evince dal documento allegato. Alla luce di tali numeri, risulta quindi fondamentale che la GM diventi a scorrimento prima dell’annunciata riforma sul reclutamento (prevista per il 2026): in questo modo verrebbero tutelati i diritti degli idonei vincitori di Concorso Ordinario, coprendo al contempo – nella fase transitoria – le cattedre lasciate scoperte dai pensionamenti.
Coprire i posti dei rinunciatari: sarebbe infatti paradossale che un idoneo occupi dopo aver superato il Concorso Ordinario un posto vacante destinato a supplenza invece che utilizzato per le immissioni in ruolo, proprio perché la GM non è a scorrimento.

In ultima istanza, volgendo lo sguardo al passato la soluzione delle GM a scorrimento è stata appena approvata per i colleghi del Concorso Ordinario per Infanzia e Primaria. Ancor prima di loro, a beneficiare delle GM a scorrimento sono stati i colleghi idonei al recente Ordinario Secondaria per le materie STEM, allo Straordinario Secondaria 2020, allo Straordinario Secondaria 2018 (Concorso non selettivo, contrariamente all’Ordinario Secondaria 2020), ed anche all’Ordinario Secondaria 2016 (per il quale con un provvedimento ad hoc le GM sono state prorogate oltre la scadenza dei tre anni); non sarebbe quindi accettabile che ci siano tali disparità di trattamento tra i docenti, avendo gli idonei dell’Ordinario Secondaria superato due prove altamente selettive.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur