Concorso scuola docenti: è possibile pagare tassa entro data prova scritta. Ricevuta va esibita il giorno della prova

WhatsApp
Telegram

Ieri avevamo messo in evidenza la problematica dei docenti che non avevano ancora provveduto al pagamento della tassa obbligatoria per la partecipazione al concorso a cattedra 2016.

Ieri avevamo messo in evidenza la problematica dei docenti che non avevano ancora provveduto al pagamento della tassa obbligatoria per la partecipazione al concorso a cattedra 2016.

Oggi un avviso dell'USR Campania ce ne fornisce la risposta

"Si rammenta che, per la partecipazione alle procedure concorsuali di cui ai DD.MM. 105, 106 e 107 del 23/02/2016, è dovuto, ai sensi dell’art.1 comma 111 della Legge 107/2015, il pagamento di un diritto di segreteria pari ad €.10,00 per ogni classe di concorso o ambito verticale per i quali si concorre. I candidati che ancora non avessero provveduto a tale pagamento sono tenuti a farlo con ogni urgenza, e comunque prima dello svolgimento delle prove scritte. Gli stessi avranno cura, il giorno della prova scritta, di esibire la ricevuta di versamento al personale addetto. In mancanza, verranno ammessi con riserva."

Se la soluzione è ottimale per i candidati che avevano comunque già disposto il bonifico, poi non andato a buon fine, ci chiediamo invece cosa abbiano dichiarato nella domanda coloro che hanno pagato in ritardo. Ad ogni modo, l'avviso dell'USR non distingue tra le problematiche. 

La ricevuta dell'avvenuto pagamento andrà esibita il giorno della prova scritta (questo vale per tutti, indipendentemente da quando sarà stato effettuato il bonifico).

Concorso scuola docenti: bonifici non accettati o pagati dopo il 30 marzo

Tutto sul concorso con

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur