Concorso scuola docenti. Miur difende gli abilitati, ma no riserva 36 mesi, servizio valorizzato nelle GM

Stampa

L'Amministrazione risponde all'interrogazione di A. Pannarale sui ritardi e sui problemi emersi nella procedura concorsuale della scuola difendendo il proprio operato nella scelta del concorso come unico canale di reclutamento, riservato esclusivamente al personale abilitato. Nessuna riserva per chi ha 36 mesi di servizio, l'Europa ha ormai archiviato la procedura di infrazione.

L'Amministrazione risponde all'interrogazione di A. Pannarale sui ritardi e sui problemi emersi nella procedura concorsuale della scuola difendendo il proprio operato nella scelta del concorso come unico canale di reclutamento, riservato esclusivamente al personale abilitato. Nessuna riserva per chi ha 36 mesi di servizio, l'Europa ha ormai archiviato la procedura di infrazione.

Sembra essere sicuro di sè il Miur: il dettato costituzionale recita all'art. 97 »Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso» e così dunque ha previsto la legge 107/2015.

In questi giorni ci sono stati provvedimenti di ammissione con riserva alle prove scritte anche di docenti non abilitati, ma il Tar del Lazio non è intervenuto nel merito della legittimità delle disposizioni impugnate. Il Tar si è infatti limitato, considerato che le date per l'udienza collegiale sono successive al termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso, a concedere ai ricorrenti di avanzare comunque la domanda, ciò esclusivamente in ragione del pericolo di pregiudizio irreparabile a carico dei richiedenti, derivante dall'imminente scadenza del termine.

Il MIUR ribadisce che continuerà ad adoperarsi nelle opportune sedi affinché il concorso si svolga così come previsto dalla legge 107, e dunque, in particolare, che a partecipare allo stesso siano solo i docenti in possesso del titolo di abilitazione all'insegnamento prescritto per legge. Concorso scuola docenti. Miur: ricorsi infondati, si è costituito per revoca ammissione non abilitati. Attesa decisione TAR

E ancora, con riferimento alla riserva in favore dei candidati con più di 36 mesi di servizio, il Miur si dice tranquillo, in quanto nella valutazione dei titoli è stato valorizzato tutto il servizio a tempo determinato prestato presso le scuole e inoltre, quanto alla presunta reiterazione della violazione della normativa comunitariala Commissione europea proprio alla luce della complessiva riforma operata da «La buona scuola» ha archiviato la procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese.

Dunque, per il Ministero ci sono tutte le premesse perchè il concorso si svolga sotto i migliori auspici, quelli indicati nel bando, e che l'operato della giustizia amministrativa venga bloccata dalle memorie difensive già presentate.

Tutto sul concorso a cattedra

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur