Concorso scuola docenti, gruppo parlamentare trasversale ne chiede l’annullamento e propone assunzione iscritti GI

MIDA Precari – Piano assunzionale transitorio: pronto un gruppo Parlamentare Trasversale. L’organizzazione del concorso, già resa difficile dal mancato reperimento di commissari e presidenti di commissione, nonché di aule e postazioni adeguate per la prova computer based, ha un nuovo, insormontabile ostacolo

MIDA Precari – Piano assunzionale transitorio: pronto un gruppo Parlamentare Trasversale. L’organizzazione del concorso, già resa difficile dal mancato reperimento di commissari e presidenti di commissione, nonché di aule e postazioni adeguate per la prova computer based, ha un nuovo, insormontabile ostacolo

Si tratta del decreto del TAR Lazio che ha ammesso alla procedura concorsuale, con cautelare, anche i docenti non abilitati, scatenando un putiferio dalle proporzioni colossali perché ha di fatto annullato e svilito l’abilitazione come requisito unico d’accesso.

Sotto la spinta del MIDA PRECARI, che da mesi cerca la convergenza fra forze politiche di diversa matrice ideologica, ma accomunate dal medesimo, profondo rispetto costituzionale per la scuola pubblica e per i suoi lavoratori, si è costituito un Gruppo Parlamentare Trasversale che chiede l’annullamento del concorso scuola 2016. Il concorso, inutile dispendio di denaro pubblico, va invalidato. Il ministro Berlinguer, anni fa, non ebbe esitazioni ad annullarlo.

La proposta sostitutiva, razionale e meritocratica, è l’attuazione di un piano transitorio di immissione in ruolo di docenti abilitati già a partire dal prossimo anno scolastico. Hanno promesso il loro appoggio trasversale in Parlamento Lega, FdI, Sinistra Italiana, SeL, NcD, Forza Italia e alcuni esponenti del Pd. Auspichiamo che la mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle, venga firmata da tutte le forze politiche. La scuola è pubblica, cioè di tutti, non una qualunque azienda supportata dal Partito Democratico.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”