Concorso scuola con orali a porte chiuse? Accolti ricorsi al Tar, si ritenta il colloquio

WhatsApp
Telegram

Qualora la prova orale si sia svolta a porte chiuse i bocciati potranno ritentare il colloquio: è una questione di trasparenza per il Tar.

La legge in materia di concorsi pubblici impone trasparenza. E proprio per questo motivo il Tar ha accolto il ricorso di due aspiranti insegnanti di italiano alle scuole secondarie di primo e secondo grado dopo la bocciatura alle prove orali, avvenuta a porte chiuse. I due aspiranti docenti, quindi, potranno tentare di nuovo il colloquio.




E’ accaduto ad Udine ma la sentenza crea un precedente e come i due prof che hanno presentato il ricorso potranno ritentare il colloquio anche tutti gli altri bocciati alla prova orale.

“È fondata la censura relativa allo svolgimento della prova orale a porte chiuse, poiché non è stato consentito l’accesso al pubblico. E lo svolgimento della prova orale a porte chiuse contrasta con i principi che riguardano la pubblica amministrazione in genere e lo svolgimento delle prove orali dei concorsi in particolare, le quali, salvo che non sia stabilito altrimenti, devono essere accessibili al pubblico”  scrivono i magistrati Umberto Zuballi, Manuela Sinigoi e Alessandra Tagliasacchi nella sentenza depositata la scorsa settimana.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur