Concorso scuola 2016. Lo passerà un docente su 3. Vacca (M5S): e gli altri due?

Di
Stampa

Buone notizie per chi supererà il concorso a cattedra 2016, per una assunzione a tempo indeterminato nel triennio 2016/18. Ma il parlamentare Gianluca Vacca del M5S pone l'accento su quei 2/3 di docenti che invece saranno esclusi da tale meccanismo.

Buone notizie per chi supererà il concorso a cattedra 2016, per una assunzione a tempo indeterminato nel triennio 2016/18. Ma il parlamentare Gianluca Vacca del M5S pone l'accento su quei 2/3 di docenti che invece saranno esclusi da tale meccanismo.

Ieri il Sottosegretario Faraone, nell'esporre a grandi linee il bando del concorso, ha affermato (ma la dichiarazione originale risale al Ministro Giannini qualche settimana fa durante una visita a Catania) ha affermato " Stiamo parlando di un concorso in cui passerà un docente su tre . Finora il rapporto è stato di uno a trenta. Uno su tre vuol dire fare passare l'eccellenza e non scegliere a caso. Vuol dire assumere solo i migliori insegnanti di cui la scuola ha bisogno".

Rimane da capire cosa ne sarà dei due terzi degli insegnanti che non saranno stabilizzati. Il M5S, ha posto l'accento proprio su questo "Non una parola da parte di Giannini. Saranno dunque abbandonati al loro destino? Al di là della solita retorica del governo, questa è la realtà dei fatti" conclude Vacca.

In realtà si tratta di un argomento già affrontato, al quale qualche settimana fa ha risposto l'On. Ghizzoni (PD).

"Per chi non vincerà uno dei posti messo a concorso, lo scenario è identico all'attuale: la sua professionalità sarà utilizzata per le supplenze, che la L. 107 riserva agli abilitati.

Per quanto riguarda poi la delega sulla nuova formazione iniziale e nuovo reclutamento dei docenti, sempre la L. 107 prevede "l'introduzione di una disciplina transitoria in relazione ai vigenti percorsi formativi e abilitanti e al reclutamento dei docenti nonché in merito alla valutazione della competenza e della professionalità per coloro che hanno conseguito l'abilitazione prima della data di entrata in vigore del decreto legislativo" attuattivo della delega. Per coloro i quali saranno in possesso di abilitazione, quindi, sarà disposta una disciplina specifica circa le modalità di reclutamento, verosimilmente non dissimile dall'attuale. E sarà fatta anche una valutazione per coloro i quali hanno un servizio superiore ai 36 mesi. Insomma, va redatta una disciplina transitoria tesa a valorizzare chi già si è formato e chi già lavora nella scuola. Per l'esercizio della delega sono previsti 18 mesi, da mettere a frutto per incontrare le parti sociali, le associazioni degli aspiranti docenti, le scuole, le università, gli AFAM"

Concorso scuola 2016, che fine faranno i docenti che non lo superano? Quanto guadagneranno i tirocinanti? Risponde l'On Ghizzoni

Dunque, una mezza risposta esiste. Anche se la soluzione è ancora lungi dall'essere concretizzata. E certo un accenno, nei vari comunicati o nelle dichiarazioni da parte della compagine governativa sarebbe senz'altro gradita ai precari, sottoposti allo stress di dover attendere un bando di concorso ormai in ritardo di due mesi.

Ricevi le notizie sul concorso direttamente sul cellulare con il nostro canale gratuito Telegram

La scheda con tutti i dettagli del concorso

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata