Concorso riservato Dirigenti Scolastici: 350 euro per la prova e 1.500 per il corso di formazione, per il 40% delle assunzioni in ruolo

WhatsApp
Telegram

Concorso riservato per aspiranti Dirigenti Scolastici ricorrenti 2017: il Ministero ha presentato la bozza del decreto ai sindacati e poi quest’ultima è stata analizzata dal CSPI, che ha espresso parere negativo. Il bando del concorso è atteso per l’estate, nel mese di luglio, insieme a quello del concorso ordinario. Le assunzioni dal 2024/25. In cosa consisteranno le prove dei ricorrenti e quanto si dovrà pagare.

Chi riguarda il concorso riservato ricorrenti Dirigenti Scolastici 2017

Il concorso riservato, ricordiamo, riguarda circa 5mila candidati e potranno accedere coloro che:

  • abbiano proposto ricorso entro i termini di legge e abbiano pendente un contenzioso giurisdizionale per mancato superamento della prova scritta;
  • abbiano superato la prova scritta e la prova orale cui siano stati ammessi in forza di un provvedimento giurisdizionale cautelare, anche se successivamente caducato;
  • abbiano proposto ricorso entro i termini di legge e abbiano pendente un contenzioso giurisdizionale per mancato superamento della prova orale.

Le prove

Saranno

  • scritta, con quesiti a risposta chiusa candidati ricorrenti per mancato superamento della prova scritta o che abbiano superato la prova scritta e la prova orale cui siano stati ammessi in forza di un provvedimento giurisdizionale cautelare

Si tratta di cento quesiti, quindici per ciascuna delle materie indicate dal decreto, cinque per la verifica della conoscenza di livello B2 del CEF della lingua straniera prescelta, cinque per la verifica della conoscenza degli strumenti informatici e delle tecnologie della comunicazione normalmente in uso presso le istituzioni scolastiche.

Ciascun quesito ha quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta. Per ogni risposta corretta è attribuito 1 punto; per ciascuna risposta errata o non data è attribuito il punteggio 0.

  • orale, di 60 minuti, per candidati che abbiano proposto ricorso entro i termini di legge e abbiano pendente un contenzioso giurisdizionale per mancato superamento della prova orale.

All’esito della prova di accesso i candidati che hanno conseguito un punteggio pari o superiore a sei decimi, sono ammessi a partecipare al corso intensivo di formazione di 120 ore e prova finale.

Quanto bisognerà pagare

I versamenti da effettuare saranno due: un primo versamento di 350 euro per partecipare alla prova; un secondo versamento di 1.500 euro per partecipare al corso di formazione.

I candidati che superino la prova di accesso e chiedano l’ammissione al corso intensivo di formazione ed effettuino il secondo versamento, non hanno diritto ad alcun rimborso nel caso in cui rinuncino al corso o non lo completino.

Le immissioni in ruolo

Saranno effettuate fino al 40 per cento dei posti a tal fine annualmente assegnabili attingendo alla graduatoria, successivamente a quelli effettuati dalla graduatoria del concorso ordinario (decreto del Ministro dell’istruzione 13 ottobre 2022, n. 194,) fino al suo esaurimento. L’eventuale posto dispari è destinato alla procedura concorsuale ordinaria.

Come prepararsi

Concorso a Dirigente (ordinario e riservato), 15 lezioni live con tutor e 1.500 test aggiornati per affrontare la preselettiva e ripassare gli argomenti del concorso

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso