Concorso a cattedra: quanti i candidati espulsi durante la prova scritta?

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Lalla – I numeri riportati dal Ministero sullo svolgimento delle prove scritte tralasciano un dato che speriamo non sia molto alto, ma di cui va comunque tenuto conto. Si tratta di quei candidati che hanno avuto accesso alla prova scritta ma che non l’hanno portata a termine perchè espulsi dalla procedura durante lo svolgimento.
Concorso docenti, concluse le prove scritte. Correzione da 1 a 3 mesi. Lezione simulata per la prova orale

Lalla – I numeri riportati dal Ministero sullo svolgimento delle prove scritte tralasciano un dato che speriamo non sia molto alto, ma di cui va comunque tenuto conto. Si tratta di quei candidati che hanno avuto accesso alla prova scritta ma che non l’hanno portata a termine perchè espulsi dalla procedura durante lo svolgimento.
Concorso docenti, concluse le prove scritte. Correzione da 1 a 3 mesi. Lezione simulata per la prova orale

Nei giorni scorsi abbiamo posto l’accento sulla permessività e la scarsa organizzazione dimostrata in alcuni casi dalla vigilanza. L’altra faccia della medaglia è rappresentata da coloro che hanno garantito lo svolgimento corretto e sereno della prova, con espulsione di coloro che si servivano di ausili informatici o cartacei non consentiti.

Purtroppo abbiamo dovuto parlare di un concorso a misura di smartphone, quegli aggeggini che permettono in pochi minuti di trovare soluzione ai quesiti più complessi. Per chi avesse avuto dubbi sullo "studiolo", o sulla "realtà virtuale aumentata", o ancora sulle frasi da tradurre in latino, una manna dal cielo.

Ma si trattava di ausili non consentiti, da depositare all’ingresso dell’aula. Lo stesso dicasi per gli strumenti cartacei: consentito solo il vocabolario di lingua italiana e il monolingue per la prova scritta della primaria e le prove di Lingua.

Ci piacerebbe che il Ministero, nel riportare il dato dei partecipanti, scorporasse il numero di coloro che non hanno portato a termine la prova per scorrettezza e mancanza di rispetto delle regole. Augurandoci che si tratti dello 0,00….

Concorso: occhio puntato sulla vigilanza troppo permissiva

WhatsApp
Telegram

Nuovi ambienti di apprendimento immersivi per le didattiche innovative proposti da MNEMOSINE – Ente riconosciuto dal Ministero Istruzione