Immissioni in ruolo primaria, i posti da concorso in Sicilia non ci sono

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I vincitori del concorso 2016 per la scuola primaria in Sicilia attendono ancora la tanto agognata immissione in ruolo, dopo una dura selezione che ha falcidiato migliaia di partecipanti.

I numeri

Questi i numeri:

  • 1096 posti messi a bando
  •  6354 i partecipanti
  • 708 vincitori

Dai sopra riportati numeri, si evince che 388 posti non possono essere assegnati.

Assunzione vincitori

I numeri succitati farebbero pensare ad un’assunzione certa per i vincitori, nell’arco del triennio di validità delle GM (prorogata per un anno, come vedremo di seguito), tuttavia la situazione è tutt’altro che rosea.

Perché? A spiegarlo il direttore dell’USR Sicilia e il vice presidente Anief Sicilia, Portuesi.

Portuesi afferma che i posti messi a bando non ci sono e non c’erano e che la procedura è stata avviata per fini elettorali.

Per il 2018, prosegue Portuesi, sono previste un centinaio di assunzioni, che non contribuiranno certamente ad esaurire le graduatorie, così come l’incremento del numero dei pensionati,  per cui i ricorsi saranno inevitabili.

Maria Luisa Altomonte, direttore dell’USR Sicilia, afferma a La SiciliaI posti non ci sono.  Non possiamo nominare docenti su posti virtuali, previsti erroneamente. Le disponibilità che abbiamo le diamo al concorso, ma dobbiamo fare i conti con la realtà: vale a dire un calo della popolazione scolastica che si aggira sui 14mila alunni. Meno alunni uguale meno classi e quindi posti in meno per gli insegnanti. Non si tratta di “inciampi” burocratici,  è la matematica a non consentirci l’immissione in ruolo di tutti i vincitori di concorso“.

Validità graduatorie

Le graduatorie di merito del concorso 2016 hanno validità 3 + 1, ma ad essere messa in dubbio in queste condizioni non è solo l’assunzione degli idonei, ma degli stessi vincitori, cioè di coloro che sono rientrati nel numero dei posti messi a bando.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione