Concorso Pnrr sostegno, Pacifico (Anief) spiega come allineare la domanda con l’offerta

WhatsApp
Telegram

Per insegnare su sostegno i candidati al concorso Pnrr sono concentrati in poche regioni, dove paradossalmente c’è meno richiesta di docenti specializzati. Come mai questo paradosso?

A fornire una spiegazione è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Questa situazione nasce dal fatto che gli atenei non hanno mai bandito i posti in base al reale fabbisogno ma in base all’offerta formativa”, dice il sindacalista ad Orizzonte Scuola.

La verità, prosegue Pacifico, è che “c’è stata sempre una discrepanza tra i posti banditi per il Tfa e le reali esigenze dei territori. Poi se un docente specializzato in una determinata regione va a lavorare in una regione diversa si ritrova con il vincolo senza un ristoro delle spese aggiuntive, sfiorando la soglia della povertà. Per questo tanti docenti preferiscono continuare a fare i supplenti e non presentare domanda per partecipare ai concorsi nelle regioni dove ci sono più posti”.

“E non dimentichiamo – continua il leader Anief – i tanti specializzati all’estero ai quali non si consente subito di lavorare dopo aver speso denaro e tempo. Il risultato finale è la continuità negata, non dai trasferimenti ma dalla precarietà del personale”. Pacifico ha comunque le idee chiare su cosa si dovrebbe fare: “Bisognerebbe allineare la domanda con l’offerta sia per abilitazione sia per specializzazione; allineare l’organico di fatto all’organico di diritto; trovare un canale di reclutamento parallelo ai concorsi che permetterebbe di confermare il personale che per anni viene chiamato a fare supplenze. Se non si segue questa strada continueremo ad avere un alto numero dei posti che sono autorizzati per le immissioni in ruolo scoperto”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri