Concorso per Dirigenti Scolastici 2017 perché aspettare e non sanare? Lettera

Stampa
ex

inviata da Prof. Giuseppe Lo Bue – Sono uno dei tantissimi ricorrenti del Concorso per Dirigenti Scolastici del 2017. Tutta l’Italia e il mondo intero hanno seguito gli sviluppi di questo Concorso che di anomalie ne ha avute tantissime.

Molti Docenti hanno studiato perché credevano e “credono” di poter adempiere al ruolo di Dirigente Scolastico. Chi ha presentato domanda di partecipazione penso che non l’abbia fatta per il solo motivo di avanzare di grado ma perché dentro di sé sente di avere il carisma e il “Coraggio” di gestire un’Istituzione Scolastica.

Molti sono stati gli errori da parte dell’Amministrazione tanto è vero che il TAR Lazio a luglio del 2019 annulla in toto il Concorso.

Il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza in attesa di giudizio che avverrà a Ottobre 2020, causa Covid-19.

In questi giorni sono al vaglio tanti emendamenti al Senato per “Sanare” la questione ma da quello che si sente in giro, non c’è volontà e si attenderà la famosa “Sentenza”.

Molti Politici, Sindacati, Associazioni, Formatori e Dirigenti sono favorevoli a una soluzione Politica per dare un’altra opportunità a chi è stato vittima del sistema e compensare le ingiustizie ricevute. Nessuno è contro nessuno. Nessun ricorrente ha risentimenti su chi ha ottenuto il “meritato” risultato!

Proprio per questo si chiede alle forze Politiche di sanare prima che possa essere troppo tardi, di tutelare i vincitori e nell’occasione di dare un’altra possibilità a chi si è visto escluso pur facendo delle prove eccellenti.

I Dirigenti Scolastici devono essere valutati sul campo e non su dieci, venti righe e fatte pure bene ma… Fortuna? Può darsi! Sono successe altre volte di “sanare” queste falle, perché non farlo anche adesso? Che vi costa?

Un corso di formazione intensivo e chi ha veramente le capacità andrà avanti e sarà inserito in coda ai vincitori.

Per un po’ di anni ci saranno Dirigenti validi per le Istituzioni Scolastiche Italiane e lo Stato risparmierebbe per bandire eventuali altri concorsi e spese legali.

Spero che questo messaggio sia accolto da chi di dovere. E’ uno sfogo proprio personale perché ancora ad oggi non si hanno risposte concrete e sincere. Fiducioso di una lettura e presa di coscienza, porgo Distinti Saluti.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia