Concorso per 253 laureati al MIUR: termine della domanda e risorse per la preparazione alle prove

di redazione

item-thumbnail

pubbliredazionale – Una nuova opportunità per i laureati italiani: il MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha indetto un concorso pubblico per 253 posti di funzionario amministrativo-giuridico-contabile, area III, posizione economica F1.

Consulta la tabella di ripartizione dei posti disponibili per area geografica.

Requisiti di ammissione

Il concorso è aperto a tutti coloro che, oltre ad avere i requisiti generali per l’accesso ai concorsi pubblici, siano in possesso di:

  • Diploma di laurea (DL)
  • Laurea specialistica (LS)
  • Laurea magistrale (LM)

Sono validi gli attestati rilasciati da università, statali e non, accreditate dal MIUR.

Domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione dovrà essere inviata, esclusivamente in via telematica, entro le ore 12.00 del 27 Aprile 2018.

Come prepararsi alle prove

Il test è così strutturato:

  • Una prova preselettiva (nel caso in cui le candidature superino il numero previsto)
  • Due prove scritte
  • Una prova orale

Le conoscenze richieste ai candidati spaziano dagli aspetti amministrativi, giuridici e contabili alla conoscenze della lingua inglese, dalla capacità di analisi e di sintesi all’utilizzo di applicazioni informatiche.
Per una conoscenza approfondita delle tematiche trattate all’interno della prova, EdiSES consiglia il manuale specifico per la preparazione alla prova preselettiva e alle prove scritte.
Il volume, oltre ad affrontare dettagliatamente gli aspetti teorici del test, mette a disposizione dei candidati un software di simulazione (accessibile gratuitamente dal sito attraverso il codice personale riportato all’interno del libro) grazie al quale esercitarsi nei quiz a risposta multipla.

Vuoi provare il software di simulazione? Esercitati con una demo

Per restare aggiornato su tutti gli aspetti del concorso e confrontarti con altri candidati, iscriviti al gruppo di studio su Facebook.

Versione stampabile
Argomenti: