Concorso ordinario: i titoli culturali saranno presentati successivamente. Prove preselettive nei capoluoghi di provincia.

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

red – Il Ministero ha illustrato ai sindacati la procedura prevista per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso. Rispetto al bando, la domanda non presenta gli spazi per i titoli culturali, che verranno richiesti in una fase successiva. Le prove preselettive si svolgeranno, in massima, nei capoluoghi di provincia, anche se gli USR potranno scegliere altre sedi, che verrano comunicate al candidato tramite l’indirizzo e mail fornito nella domanda di partecipazione.

red – Il Ministero ha illustrato ai sindacati la procedura prevista per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso. Rispetto al bando, la domanda non presenta gli spazi per i titoli culturali, che verranno richiesti in una fase successiva. Le prove preselettive si svolgeranno, in massima, nei capoluoghi di provincia, anche se gli USR potranno scegliere altre sedi, che verrano comunicate al candidato tramite l’indirizzo e mail fornito nella domanda di partecipazione.

UIL – I rappresentanti del Dipartimento dei servizi informativi del Miur hanno illustrato ai sindacati la procedura on-line prevista sia per la registrazione che per l’inoltro delle domande.Nel corso dell’incontro sono emersi problemi di natura tecnica che l’amministrazione si e’ riservata di approfondire e risolvere.

Il Miur ha comunicato che i titoli culturali, contrariamente a quanto previsto nel decreto, potranno essere elencati, a completamento della domanda, solo successivamente, sulla base di disposizioni specifiche.

Le prove preselettive verranno effettuate soprattutto nei capoluoghi di provincia anche se gli USR potranno, nella loro autonomia, scegliere altre sedi. Al candidato verra’ comunicato nell’area Polis il luogo e l’ora di espletamento delle prove.

Alle ore 12,00 del giorno 8 ottobre il sistema ha già registrato l’inoltro di circa 16.000 domande.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito