Concorso ordinario secondaria, si può scegliere solo una regione e nessuna provincia

Concorso ordinario secondaria: uno dei quesiti più frequenti riguarda la possibilità di iscriversi in più regioni, per la stessa o diversa classe di concorso. 

Ci si può iscrivere per max quattro procedure

  • una classe di concorso della scuola secondaria di I grado
  • una classe di concorso della scuola secondaria di II grado
  • sostegno secondaria I grado se in possesso di relativa specializzazione
  • sostegno secondaria II grado se in possesso di relativa specializzazione

Requisiti per partecipare al concorso

Posti comuni:

  • abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
  • laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche oppure
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è:

il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017). ITP partecipano con diploma ma devono superare preselettiva più quattro prove

Per i posti di sostegno:

Requisiti già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno. Leggi tutto

N.B. possono partecipare anche i docenti di ruolo. Requisiti di accesso completi
Video

N.B. Laurea triennale non è requisito di accesso

Chi può partecipare con riserva

Si sceglie una sola regione

A indicarlo l’art. 4 comma 1 del bando di concorso.

“1. I candidati possono presentare istanza di partecipazione, a pena di esclusione, in un’unica regione, ad eccezione della Valle d’Aosta e del Trentino-Alto Adige.”

Quindi un candidato può accedere a due classi di concorso, una della scuola secondaria di I grado e una della scuola secondaria di II grado non solo se il titolo di studio lo consente, ma anche se entrambe le classi di concorso sono state bandite per la regione scelta (stesso dicasi per i posti di sostegno).

La soluzione è: o cambiare regione per avere la doppia opportunità di abilitazione e/o ruolo, oppure puntare solo una classe di concorso nella regione più gradita.

Una sola regione + Trentino e/o Valle d’Aosta oppure no?

La partecipazione all’analogo concorso in Trentino e/o Valle d’Aosta è consentita oppure no?

Su questo attendiamo eventuale chiarimento Ministero.

Si sceglie la regione, non la provincia

Nel momento in cui si presenta la domanda non è invece possibile scegliere la provincia di gradimento.

Questa infatti potrà essere scelta tra quelle in cui ci saranno posti liberi al momento dell’immissione in ruolo, per scorrimento della graduatoria.

Un meccanismo che crea parecchio malcontento, perchè non è sempre possibile scegliere la provincia di proprio gradimento, soprattutto se  si è chiamato tra gli ultimi a scegliere per l’anno scolastico considerato.

Blocco mobilità per almeno cinque anni

La legge 159/2019 ha disposto che tutti i docenti che saranno assunti dal 1° settembre 2020 eccetto il personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/92 sarà vincolato per almeno 5 anni alla scuola di assunzione.

Non si potrà richiedere né trasferimento, né assegnazione provvisoria né utilizzazione nè  supplenze conferite ai sensi dell’articolo 36 del CCNL 2007.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia