Concorso ordinario secondaria, requisito laurea + 24 CFU. Consulenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso scuola secondaria I e II grado: il bando dovrebbe essere pubblicato entro i primi mesi del 2020, più o meno contestualmente a quello del concorso straordinario. Uno dei requisiti di accesso è laurea + 24 CFU.

Il decreto scuola – attualmente al vaglio delle Commissioni Cultura e Lavoro –  ha modificato i titoli di accesso prima stabiliti dalla modifica attuata al Decreto Legislativo n. 59/2017 con la Legge di Bilancio 2019.

I requisiti per l’accesso al concorso ordinario diventano i seguenti:

Posti comuni:

    1. abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
    2. laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Controlla classi di concorso a cui puoi accedere con la tua laurea  oppure
    3. abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente

Il requisito “laurea + 3 anni di servizio” così come la riserva di posti prevista per questa categoria di docenti è stata eliminata.

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è:

  • il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

Per i posti di sostegno: 

Requisiti già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno.

N.B. Il Decreto potrà ancora essere modificato in Parlamento prima della trasformazione in legge entro 60 giorni, per cui l’aggiornamento definitivo dei requisiti potrà essere valutato solo con la pubblicazione della Legge.

Laurea + 24 CFU. Consulenza

Numerosi i quesiti già pervenuti a [email protected]

Quesito n. 1

“Io ho una laurea specialistica in Giurisprudenza conseguita nel 2013. Ho già chiesto alla mia ex facoltà il piano di studi per capire quali esami devo colmare per avere tutti i crediti che servono per partecipare al concorso ordinario.

Nel caso riuscissi a colmare questi esami  e avessi tutti i crediti, i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, sono comunque da ottenere? “

La risposta è affermativa: il requisito di accesso completo è laurea con piano di studi per l’insegnamento (quindi con tutti gli esami/CFU richiesti dal Ministero per accedere a quella classe di concorso)  Controlla classi di concorso a cui puoi accedere con la tua laurea 

+ i 24 CFU in Discipline  antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Quesito n. 2

Posso partecipare anche nella classe di concorso Tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali per cui tra i requisiti di accesso c’è scritto che va bene qualsiasi laurea? Anche in questo caso devo ottenere i  24 CFU?
Posto che i 24 CFU/CFA vanno acquisiti come titolo di accesso per qualsiasi laurea, l’accesso alla classe di concorso Tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali  è aperta a “qualsiasi laurea” ma
“purché congiunta all’accertamento dei titoli professionali. L’accertamento dei titoli professionali viene effettuato dall’apposita commissione nominata dal direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale competente per territorio.” (vedi nota 2)
Quesito n. 3

“Vorrei una info in merito ai 24 CFU. Io ho i seguenti titoli di studio: 

  • diploma sociopsicopedagogico
  • laurea triennale in educazione professionale (Scienze della formazione)
  • laurea magistrale/specialistica in Programmazione e gestione dei servizi educativi

Mi chiedevo se è necessario acquisire questi punti visto che ho conseguito esami di pedagogia, psicologia e sociologia di ogni genere?

La normativa che regola i 24 CFU è il decreto del 10 agosto 2017, n. 616.

I 24 CFU potranno essere acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare.

A decidere se il curriculum di studi è conforme a quanto richiesto come titolo di accesso al concorso ordinario è l’Università.

Il corretto conseguimento dei 24 crediti e il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti dal DM 616/2017 – scriveva il Miur ad aprile 2018 – (con indicati insegnamenti, altre attività formative, SSD, voti e CFU/CFA) deve essere certificato da una istituzione universitaria o AFAM. La certificazione è necessaria ai fini della partecipazione al Concorso docenti.

Pertanto il piano di studi completo deve essere sottoposto alla valutazione dell’università, che certificherà l’acquisizione dei 24 CFU o le eventuali integrazioni.

Concorso a cattedra. 24 CFU: tabella Miur su come conseguirli e come certificare quelli già conseguiti

Corso di preparazione al concorso ordinario secondaria I e II grado

Versione stampabile
anief banner
soloformazione