Concorso ordinario secondaria, Frate (M5S): priorità a docenti con servizio rispetto ai neolaureati

Stampa

L’accesso al concorso docenti per i neolaureati garantisce il ricambio generazionale. Una scelta importante, in particolar modo se si pensa alla rivoluzione innovativa che, già oggi ma in futuro sempre più, attraversa il mondo della scuola.

Questo quanto comunicato da Flora Frate (M5S).
“Il ricambio generazionale, tuttavia, è un processo che va governato con attenzione e responsabilità, disinnescando qualsiasi potenziale contrapposizione sociale. Penso a tutti quei docenti che prestano servizio scolastico da anni, con contratti reiterati nel tempo, cui va riconosciuto il lavoro svolto e l’esperienza acquisita. Occorre tutelare chi ha superato, e sta per raggiungere, i 36 mesi di servizio come accade anche in altri concorsi.
Erroneamente fino ad ora si è  proceduto con la logica delle quote riservate, un ragionamento da ribaltare radicalmente. Diamo priorità di accesso concorsuale a coloro che hanno prestato servizio, stabilendo per i neolaureati una percentuale di posti riservati.
È una questione di equità sociale, di buon senso e, questa volta sì, di merito. Chi lavora nella scuola da tanti anni, garantendo la tenuta dell’intero sistema, deve avere la prospettiva del ruolo, c’è poco da fare.
Mi impegnerò in Aula  non soltanto a migliorare il decreto straordinario scuola, ma anche quello ordinario.”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur