Concorso ordinario: la preselettiva si svolgerà veramente subito dopo lo straordinario? Timori, dubbi e incertezze

Stampa

Emergenza Coronavirus: DPCM che si susseguono a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro, disposizioni sempre più stringenti per evitare un lockdown nazionale, scuole secondarie di secondo II grado già in Didattica Digitale Integrata con quote orarie diverse tra le regioni. Ma i docenti precari vivono in questi giorni anche l’angoscia delle prove del concorso. Quello straordinario è in corso e si concluderà il 16 novembre. Quello ordinario è ancora non strutturato.

In tempi meno sospetti rispetto agli attuali, in relazione all’emergenza sanitaria, il Ministero aveva comunicato l’avvio del concorso in  periodo immediatamente successivo alla conclusione dello straordinario.

Questo aveva portato tutti a pensare che entro dicembre 2020 almeno la preselettiva avrebbe potuto svolgersi, con i sei – sette mesi successivi di tempo per le altre prove. Già così i tempi sarebbero stati stringatissimi per le immissioni in ruolo 2021/22.

Ma l’emergenza sanitaria complica  le cose.

Lo svolgimento del concorso straordinario prevede delle disposizioni molto rigide per quanto riguarda le misure di sicurezza, che prevedono lo scaglionamento delle prove, per classi di concorso, per un arco di tempo di venti giorni. Con numeri molto più ridotti rispetto a quelli del concorso ordinario.

E la ricerca delle aule per lo svolgimento delle prove è durata da giugno a settembre.

Se la preselettiva dovrà svolgersi, per tutte le classi di concorso coinvolte, nella stessa giornata, e non potranno e non dovranno esserci assembramenti, servirà sicuramente un numero maggiore di aule. Che comporta un numero maggiore di docenti incaricati per la vigilanza, nonchè di commissioni pronte.

Al momento diciamo che rimane come punto di riferimento il comunicato del Ministero “Il concorso straordinario sarà la prima delle tre selezioni che si svolgeranno a partire dalle prossime settimane per l’assunzione a tempo indeterminato di nuovi insegnanti. Nei prossimi mesi saranno espletati, infatti, anche i concorsi ordinari per infanzia e primaria e per la secondaria di I e II grado, per un totale generale di circa 78mila posti. In particolare le prove preselettive degli altri due concorsi si svolgeranno subito dopo il termine della prova scritta del concorso straordinario.” e le parole del Ministro durante un question time dei primi giorni di ottobre “Entro fine anno partirà inoltre il concorso ordinario, per l’assunzione di altri 45000 docenti”.

Ma i dubbi e le incertezze sono concreti.

Stabilire se ci sarà o meno la preselettiva

La prima operazione degli Uffici Scolastici sarà quello di stabilire, in base al numero delle domande pervenute, per ogni classe di concorso e regione, se sarà necessaria o meno la preselettiva per i due concorsi ordinari.

La preselettiva  si svolgerà infatti qualora a livello regionale e per ciascuna distinta procedura, il numero dei candidati sarà superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e, comunque, non inferiore a 250.

Qualora dovrà svolgersi la prova preselettiva (molto probabile per numerose classi di concorso, anche se non si conosce ancora il numero delle domande presentate per classe di concorso e regione), la banca data delle domande sarà fornita almeno venti giorni prima della data fissata per la prova. La prova potrà svolgersi in più sessioni.

CORSI DI PREPARAZIONE DI ORIZZONTE SCUOLA FORMAZIONE

Concorso ordinario secondaria

Concorso infanzia e primaria

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia