Concorso ordinario infanzia e primaria, rimandato. Forse ad ottobre. Ecco perché

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso ordinario infanzia e primaria: arriva la notizia dello slittamento del bando. Forse ad ottobre 2019, le motivazioni.

Concorso ordinario e concorso straordinario bis

Come già anticipato dalla nostra redazione, nonostante il bando per il concorso ordinario sia già pronto – con contingente di 16.959 posti già approvato –  numerosi docenti chiedono,  e di questa loro posizione hanno anche interessato i sindacati – nel concorso straordinario bis, la cui proposta è stata elaborata dal Sen. Pittoni responsabile scuola della Lega e Presidente della VII Commissione Cultura del Senato.

Il concorso straordinario sarebbe riservato ai docenti con diploma magistrale conseguito entro a.s. 2001/02 e laureati in Scienze della formazione primaria con un anno di servizio nella scuola statale, nelle sezioni primavera, o nel tirocinio durante il corso di laurea in SFP.

Una seconda e diversa edizione del concorso straordinario destinato a coloro che possiedono un solo anno di servizio – si legge nella relazione illustrativa – non scalfisce la operatività della norma di riferimento e non provoca reazioni contrarie da parte di coloro che hanno già partecipato al concorso straordinario previsto dalla legge vigente, poiché viene rispettato il loro diritto di priorità temporale nell’accesso al ruolo.

I tempi di realizzazione

E tuttavia, il concorso straordinario bis acquisterebbe valore se bandito prima o comunque contemporaneamente all’ordinario.

Da qui il motivo che ha spinto i sindacati a richiedere il rinvio, per il momento, della pubblicazione del bando. In autunno i tempi saranno probabilmente maturi per prendere in considerazione anche lo straordinario bis.

La proposta è adesso al vaglio del Ministero che comunque, di fatto, in questo momento, ha sospeso la pubblicazione.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione