Concorso ordinario infanzia e primaria: chi partecipa, 10.000 posti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Bussetti ha inviato al Ministero dell’Economia e delle Finanze la richiesta formale per far partire nei prossimi mesi il concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria.

“Vogliamo dare – ha affermato Bussetti – risposte precise agli insegnanti, anche ai più giovani, che attendono di poter entrare in ruolo e alle esigenze degli istituti e delle comunità scolastiche”.

Il concorso ordinario, per il quale il MIUR ha presentato richiesta al MEF, prevede un contingente complessivo di 10.183 posti: 5.626 comuni e 4.557 di sostegno.

Requisiti di accesso

Il requisito di accesso al concorso ordinario sarà il diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 o la laurea in Scienze della formazione primaria. Non è previsto invece requisito di servizio di insegnamento (che potrà eventualmente essere valutato solo come titolo nella graduatoria finale).

Tempi

Al momento c’è solo la richiesta. Probabilmente gli uffici del Ministero sono già al lavoro per la stesura del testo, ma bisognerà attendere i passaggi burocratici per la realizzazione del bando. Difficile l’espletamento in tempo per le immissioni in ruolo dell’a.s. 2019/20.

Posti

Non si conosce ancora l’eventuale distribuzione dei 10.000 messi a concorsi. L’intenzione del Ministro è quella di bandire concorsi su posti reali, per cui bisognerà capire se il concorso ordinario potrà svolgersi in tutte le regioni.

Versione stampabile
anief
soloformazione