Concorso ordinario, biennale, nelle classi con posti vuoti. Chi lo chiede

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Noi del “Gruppo per i diritti dei docenti con 24 CFU”.
Hastag: “#equoconcorso”
Con quasi 6000 iscritti su pagina Fb

VISTI
I precedenti decreti, ed in linea con essi.

Nello specifico:
1) DL n.59 del 13 aprile 2017
2) Articolo n.58 del disegno di legge (A.C. n.1334), del 31 ottobre 2018: “Modificazioni al DL n.59 del 13 aprile2017.

CHIEDIAMO
1) Che sia posto definitivamente fine alle varie forme di reclutamento del personale docenti, quali Siss, Tfa, Pas…
2) Che sia individuato un solo canale di reclutamento del personale docenti che valga da questo anno e che sia definitivo, in modo da non creare disparità ed iniquità nella classe dei docenti, nel presente come nel prossimo futuro, ed in modo da porre fine alla questione del precariato e delle cattedre vacanti.
3) Che venga stabilito come unico canale di reclutamento un “Concorso ordinario”, a cadenza biennale, per le classi con disponibiltà.
4) Che il suddetto concorso sia “equo”, nel senso che tutti i partecipanti, a prescindere dagli anni di esperienza già maturati, dovranno sostenere le stesse prove.
5) Che venga creata una riserva di posti del 10% del totale a precari con almeno 3 anni di esperienza maturata.
6) Che venga fatta una valutazione extra dei titoli e degli anni di esperienza maturati.
7) Che chi risulti vincitore di concorso ma non assegnatario abbia diritto all’abilitazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione