Concorso INPS: in arrivo il bando 2017. Una nuova opportunità per laureati in economia, giurisprudenza e ingegneria

Stampa

Nella relazione presentata il 4 luglio il presidente dell’INPS ha dichiarato che “nelle prossime settimane bandiremo un concorso per reclutare nuovi funzionari con almeno una laurea magistrale in economia, ingegneria gestionale e giurisprudenza, preferibilmente con un dottorato e una buona conoscenza della lingua inglese”.

Una nuova opportunità, dunque, per i laureati in queste discipline, per sopperire alla carenza di personale denunciata dall’Inps negli ultimi anni

Chi verrà assunto con il nuovo bando?

La prossima selezione dovrebbe riguardare soprattutto i profili di funzionari (area C) con l’obiettivo di acquisire nuove professionalità capaci anche di seguire i processo di informatizzazione dei servizi che l’istituto porta avanti da anni.

Quali materie saranno previste dal bando?

Per sapere quali saranno le materie del concorso non si può far altro che basarsi sulle indicazioni dei bandi del 2007 visto che i profili richiesti saranno gli stessi. Vediamo nel dettaglio il bando per funzionario.

Il precedente concorso prevedeva due prove scritte.

  1. Domande su diritto amministrativo, diritto civile, diritto costituzionale, scienza delle finanze, contabilità pubblica e organizzazione del lavoro.
  2. La seconda prova, invece, era un tema in materia di diritto del lavoro legislazione sociale.

Le stesse materie erano oggetto della prova orale, dove, però era richiesta la conoscenza di altre discipline (diritto commerciale, elementi di statistica, ordinamento e attribuzioni dell’Inps, elementi di base di informatica, conoscenza di strumenti di personal computing, utilizzo di internet e della posta elettronica e conoscenza di una lingua straniera a scelta (ma dopo l’ultima riforma la lingua straniera è obbligatoriamente l’inglese, salvo deroghe specifiche).

Ci sarà una prova preselettiva? Probabilmente sì, se il numero di domande supererà un determinato limite (così come avvenuto in occasione del precedente concorso). Nel 2007 la preselettiva prevedeva domande a risposta multipla sulle stesse materie oggetto delle due prove scritte.

Il tirocinio

Una delle novità anticipate dal presidente Boeri è l’introduzione di 6 mesi di tirocinio, sul modello di quanto già avviene oggi per i concorsi nell’Agenzia delle entrate.

“In aggiunta alle prove di selezione, prevediamo un tirocinio di 6 mesi per chi risulterà ai primi posti nella graduatoria, al termine del quale si terrà un colloquio orale e si deciderà se procedere o meno all’assunzione.

Quali sono i tempi per la pubblicazione del nuovo bando?

Stando alle ultime dichiarazioni appare probabile che il bando sarà pubblicato a breve. Questione di settimane, al massimo di qualche mese ma comunque entro il 2017.

Come ricevere aggiornamenti sul concorso?

Per tutti gli aggiornamenti sul concorso è possibile iscriversi alla newsletter tramite il box presente in questo approfondimento sul blog Edises e seguire il gruppo di studio Facebook

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!