Concorso infanzia e primaria, insufficienti i commissari. Ecco dove

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il concorso straordinario indetto con DDG n. 1456 del 7 novembre 2018 trova in Lombardia un primo stop: insufficienti i commissari che hanno presentato domanda di partecipazione alle commissioni di valutazione su Istanze online entro il 21 dicembre 2018. 

Requisiti per le candidature

Il Miur ha comunicato con nota del 5 dicembre 2018  che dal 7 dicembre 2018 al 21 dicembre 2018 l’apertura della piattaforma su Istanze online per la presentazione delle candidature come presidente, componente e membro aggregato del concorso straordinario per infanzia e primaria indetto con DDG n. 1456 del 7 novembre 2018.

I requisiti per far parte delle commissioni di valutazione sono indicati negli articoli 11 e seguenti del D.M. 17 ottobre 2018

Commissari insufficienti in Lombardia

La Lombardia è una delle regioni con il numero più alto di candidati, 8.995 su 42.708. 

Le istanze pervenute – informa l’Ufficio Scolastico – non risultano sufficienti al fine della corretta formazione delle commissioni, pertanto è stato pubblicato un secondo interpello con scadenza 14 gennaio.

I requisiti sono sempre quelli previsti dagli articoli  dagli articoli 12, 13, 14 e 15  del Decreto 17 ottobre 2018.

Novità: Con riferimento ai membri aggregati di lingua straniera si sottolinea che possono presentare la relativa istanza anche i docenti non di ruolo o non in possesso del requisiti dei 5 anni di servizio, purché siano in possesso della specifica abilitazione.

Può altresì produrre domanda come membro aggregato di lingua straniera il personale esperto appartenente al settore universitario con esperienza almeno biennale nello specifico settore.

Per i docenti commissari ci sono delle restrizioni: devono essere docenti confermati in ruolo, con almeno cinque anni di servizio, nella scuola rispettivamente dell’infanzia e primaria, avere documentati titoli o esperienze relativamente all’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nella didattica ed essere stati immessi in ruolo da graduatorie di concorso per titoli ed esami; in caso di immissione attraverso le graduatorie di cui all’art. 401 del Testo Unico, essere risultati idonei allo specifico concorso ordinario o aver conseguito l’abilitazione all’insegnamento attraverso il corso di laurea in scienze della formazione primaria.

Ricordiamo che l’interpello ritarda un po’ le procedure, ma non le mette a rischio. In caso di mancanza di aspiranti infatti il dirigente preposto all’USR nomina i Presidenti e i componenti con proprio atto motivato, fermi restando i requisiti e le cause di incompatibilità. Anche in questo caso comunque si ha facoltà di accettare l’incarico.

Il compenso

I compensi da corrispondere alle commissioni giudicatrici  sono disciplinati dal DM 31 agosto 2016.

Ciascun componente delle commissioni è corrisposto il seguente compenso base lordo dipendente:

  • presidente: € 502,00;
  • componente € 418,48.

Il compenso lordo dipendente previsto per i segretari delle commissioni è pari a € 371,84.

Al compenso base si aggiunge, per ciascun componente, un compenso integrativo lordo dipendente pari ad € 1,00 per ciascun elaborato o candidato esaminato.

N.B. Non è possibile richiedere l’esonero dal servizio.

Tutto sul concorso infanzia e primaria 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione