Concorso infanzia e primaria del 2020, cambia la TABELLA TITOLI: servizio e specializzazione sostegno valgono di più

WhatsApp
Telegram

Concorso infanzia e primaria: il bando è stato pubblicato nell’aprile del 2020 e i candidati hanno presentato le domande entro il 31 luglio 2020. A distanza di tanti mesi il Ministero è finalmente in grado di organizzare le prove scritte, riviste alla luce del Decreto Sostegni bis. Le graduatorie saranno formate con una NUOVA TABELLA TITOLI, ferme restando le domande già presentate.

Svolgeranno il concorso i docenti che hanno presentato domanda entro il 31 luglio 2020

Il MInistero non ha riaperto i termini per la partecipazione al concorso. Potranno presentarsi alle prove scritte, nella sede che sarà indicato dall’USR responsabile della procedura, i candidati che hanno regolarmente presentato domanda entro il 31 luglio 2020.

Magari alcuni docenti saranno già stati assunti in ruolo nelle due tornate 2020/21 o 2021/22, ma non ha importanza.

Il numero di 12.863 posti a disposizione, così distribuito, rimane invariato.

Prova scritta e prova orale

La modifica al bando 2020 si è resa necessaria per snellire le prove. Eliminata la preselettiva e la seconda prova scritta, il concorso si baserà su prova scritta + prova orale + valutazione dei titoli.

Per la prova scritta e orale la commissione ha a disposizione rispettivamente 100 punti, per la valutazione dei titoli max 50. Di conseguenza la graduatoria sarà pubblicata con punteggio su base 250. Prova scritta e prova orale si intenderanno superate al raggiungimento di 7/10.

Corso di preparazione al concorso ordinario per scuola dell’infanzia e primaria – Edizione 2021/2022

Modificata la tabella di valutazione dei titoli

Con decreto Ministeriale del 18 novembre 2021 il Ministero ha modificato anche la tabella di valutazione dei titoli. ossia, valgono i titoli presentati nella domanda del 2020 ma saranno valutati secondo questa nuova tabella.

Rispetto alla vecchia tabella, assumono un valore specifico maggiore:

  • Servizio di insegnamento prestato sullo specifico posto per cui si procede alla valutazione, nelle scuole del sistema nazionale di istruzione.  L’insegnamento prestato su posti di sostegno agli alunni con disabilità è valutato solo nella specifica procedura concorsuale. Il servizio prestato nei percorsi di istruzione dei Paesi UE è valutato ove riconducibile alla specificità del posto. Il servizio a tempo determinato è valutato ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124 che diventa 1.25 per ogni anno
  • La specializzazione su sostegno (per i posti comuni), che adesso vale 5 punti.

la nuova tabella di valutazione dei titoli allegato B al decreto Ministeriale 18 novembre 2021

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO