Concorso educazione motoria scuola primaria, quali titoli danno punteggio

WhatsApp
Telegram

I candidati che superano la prova scritta e la prova orale del concorso educazione motoria alla primaria presentano all’USR i titoli che non è possibile autocertificare. Quali vanno presentati e quali no.

Bando concorso

Con decreto n. 1330 del 04/08/2023 il Ministero ha bandito il concorso per titoli ed esami, abilitante, per l’accesso ai ruoli del personale docente relativi all’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria, per la copertura di n. 1.740 posti comuni, vacanti e disponibili nell’anno scolastico 2023/2024 per le classi quarte e quinte della scuola primaria.

Gli aspiranti in possesso dei previsti requisiti presentano domanda di partecipazione al concorso in questione dall’8 agosto ore 9 al 6 settembre ore 23.59 e, come indicato nel bando, la presentano unicamente in modalità telematica, attraverso il portale unico del reclutamento, raggiungibile all’indirizzo www.inpa.gov.it. Approfondisci

Leggi qui per i requisiti di partecipazione

Articolazione concorso

Il concorso si articola in:

  • prova scritta
  • prova orale
  • valutazione titoli

Terminate le prove e la valutazione dei titoli la commissione procede alla redazione della graduatoria di merito, sulla base dei punteggi conseguiti da ciascun candidato:

  • nella prova scritta: max 100 punti (si supera con un punteggio minimo pari almeno a 70/100);
  • nella prova orale: max 100 punti (si supera con un punteggio minimo pari almeno a 70/100);
  • nella valutazione dei titoli: max 50 punti.

I titoli valutabili nella procedura in esame sono i seguenti:

Il punteggio massimo complessivamente attribuibile è pari a 50 punti.

La valutazione avviene in base alla Tabella B allegata al Decreto 80/2022, ove leggiamo:

La valutazione complessiva dei titoli previsti dalla presente tabella non può eccedere i cinquanta punti e, qualora superiore, è ricondotta a tale limite massimo.

Titoli scientifici e accademici

I titoli accademici e scientifici valutabili sono indicati nella sezione B della tabella di valutazione dei titoli. Ecco quali sono e i relativi punteggi:

  • Inserimento nella graduatoria di merito ovvero superamento di tutte le prove di un precedente concorso ordinario per titoli ed esami per lo specifico posto: per ciascun titolo P. 12,50
  • Dottorato di ricerca; diploma di perfezionamento equiparato per legge o per statuto e ricompreso nel DM n. 42/2009: per ciascun titolo P. 12,50
  • Abilitazione scientifica nazionale a professore di I o II fascia di cui all’articolo 16 della legge n. 240/2010: per ciascun titolo P. 12,50
  • Attività di ricerca scientifica sulla base di assegni ai sensi dell’articolo 51/6 della legge n. 449/1997 ovvero dell’articolo 1/14 della legge n. 230/2005 ovvero dell’articolo 22 della legge n. 240/2010: per ciascun titolo P. 12,50
  • Inserimento nelle graduatorie nazionali preposte alla stipula di contratti di docenza a tempo indeterminato per i docenti AFAM: per ciascun titolo P. 12,50
  • Diploma di laurea di vecchio ordinamento, laurea specialistica/magistrale, diploma accademico di vecchio ordinamento e diploma accademico di II livello, ulteriori rispetto al titolo di accesso al concorso: P. 7,50
  • Laurea triennale, diploma accademico di I livello, qualora non costituisca titolo di accesso alla laurea specialistica o magistrale di cui al punto precedente o al titolo utilizzato per l’accesso al concorso: P. 3,75
  • Diploma di specializzazione universitario di durata pluriennale, non altrimenti valutato (si valuta al massimo un titolo): P. 3,75
  • Titolo di specializzazione sul sostegno (per ciascun titolo): P. 5
  • Titolo di perfezionamento all’insegnamento in CLIL conseguito ai sensi dell’articolo 14 del DM 249/2010 ovvero titolo abilitante all’insegnamento in CLIL in un paese UE: P. 3,75
  • Certificazione CeClil o certificazione ottenuta a seguito di positiva frequenza dei percorsi di perfezionamento in CLIL di cui al DDG n. 6/2012 o per la positiva frequenza di Corsi di perfezionamento sulla metodologia CLIL della durata pari a 60 CFU, purché congiunti alla certificazione nella relativa lingua straniera di cui al punto successivo: P. 2,5
  • Certificazioni linguistiche di livello almeno C1 in lingua straniera, conseguite ai sensi del DM 7 marzo 2012, prot. 3889, esclusivamente presso gli Enti ricompresi nell’elenco degli Enti certificatori riconosciuti dal MIUR ai sensi del predetto decreto (viene valutato un solo titolo per ciascuna lingua straniera): livello C1 P. 3,75livello C2 P. 5
  • Diploma di perfezionamento post diploma o post laurea, master universitario di I o II livello, corrispondenti a 60 CFU e con esame finale: per ogni titolo P. 1,25 (si valutano al massimo tre titoli, conseguiti in tre differenti anni accademici)
  • Titolo di specializzazione in italiano L2 di cui all’articolo 3/2 e all’allegato A al DM n. 92/2016: P. 3,75

BANDO

Concorso educazione motoria scuola primaria, il bando: 1740 posti, 50 euro tassa di partecipazione. Domande fino al 6 settembre. Tutte le info [PDF]

Concorso educazione motoria, domande fino al 6 settembre: ecco cosa studiare. Scarica il PROGRAMMA [PDF]

Concorso educazione motoria, dove sostenere l’esame: posti per regione e aggregazioni territoriali

Concorso educazione motoria, pubblicato il bando: fuori i diplomati ISEF. Tutte le info utili

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri