Concorso Ed. motoria alla primaria: docenti vincitori assunti dal 2024/25 con blocco triennale

WhatsApp
Telegram

Concorso ed. motoria alla scuola primaria: a disposizione 1.740 posti per avere, dal 2024/25 docenti assunti per la prima volta in questo ruolo. Il 15 dicembre si svolgerà la prova scritta, da superare con almeno 70/100. Gli Uffici Scolastici stanno completando la costituzione delle commissioni.

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria,il corso di preparazione: con simulatore

Articolazione concorso

Il concorso si articola in:

  • prova scritta; Leggi gli abbinamenti candidati – sedi
  • prova orale
  • valutazione titoli
  • formazione graduatoria di merito sulla base dei punteggi ottenuti nella prova scritta, nella prova orale e nella valutazione dei titoli.

Graduatorie di merito

Compilazione

La commissione procede alla redazione della graduatoria di merito, sulla base dei punteggi conseguiti da ciascun candidato:

  • nella prova scritta: max 100 punti;
  • nella prova orale: max 100 punti;
  • nella valutazione dei titoli: max 50 punti.

Il punteggio finale, dunque, è espresso in duecentocinquantesimi.

La graduatoria di merito comprende i soli docenti vincitori, ossia coloro i quali rientrano (in base al punteggio conseguito) nel novero dei posti messi a concorso.

A parità di punteggio si applicano le preferenze di cui all’articolo 5, commi 4 e 5, del DPR n. 487/1994.

Validità

Le graduatoria di merito, approvata con decreto del dirigente preposto all’USR e pubblicata nell’albo e sul sito internet dell’USR, ha validità annuale e comunque perde efficacia con l’approvazione della graduatoria riferite al successivo concorso.

Aggregazioni territoriali

Nei casi di aggregazione territoriale (allorché la procedura di una regione è gestita da un’altra, a causa dell’esiguo numero dei partecipanti), sono approvate graduatorie distinte per ciascuna regione.

Immissioni in ruolo e rinunce

Le immissioni in ruolo dei vincitori sono effettuate nel limite previsto dal bando di concorso per la specifica regione, ossia nel limite del contingente assegnato a ciascuna di esse.

La rinuncia al ruolo dalla graduatoria di merito regionale comporta esclusivamente la decadenza dalla relativa graduatoria.

Abilitazione

I candidati, che superano le prove con il punteggio minimo previsto (70 punti sia per la prova scritta che per quella orale), pur non rientrando nel numero dei vincitori, conseguono l’abilitazione all’insegnamento.

L’USR responsabile della procedura è competente all’attestazione della relativa abilitazione.

Vincolo neoassunti e cancellazione graduatorie

Vincolo triennale

I docenti, che saranno assunti in ruolo dalla procedura in esame, come tutti i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina in ruolo, a decorrere dal 2023/24, saranno sottoposti al vincolo di permanenza triennale nella scuola di assunzione e alla cancellazione dalle eventuali altre GM, GaE e GI di inclusione, ai sensi dell’art. 399/3 del D.lgs. 297/94 che, nella nuova formulazione introdotta dal DL 44/2023, rinvia al riguardo all’art. 13/5 del D.lgs. 297/94. In base a tale disposizione:

  • i neoassunti in ruolo devono restare nella scuola di assunzione (ove svolgono il periodo di prova), nel medesimo tipo di posto/classe di concorso, per tre anni, compreso l’anno di prova (pertanto, possono presentare domanda dopo i citati tre anni). Il vincolo non si applica nei casi di sovrannumero o esubero e ai docenti con grave disabilità ovvero che assistono un soggetto con grave disabilità, a condizione che la situazione di disabilità personale ovvero di assistenza a soggetto con grave disabilità si verifichi successivamente al termine di presentazione delle domande di partecipazione al relativo concorso;
  • durante i tre anni di blocco, i neoassunti possono comunque presentare domanda di assegnazione provvisoria e/o utilizzazione nella provincia di titolarità. I predetti docenti, inoltre, possono accettare supplenze al 30/06 e al 31/08 per una classe di concorso o tipologia di posto diverse da quella di titolarità, per le quali abbiano titolo (ciò dopo aver svolto l’anno di prova, in quanto il DM 138/2023 ha disposto quanto segue: […] Il docente tenuto allo svolgimento dell’anno di prova non può accettare il conferimento di nomine a tempo
    determinato.

Cancellazione dalle graduatorie

Il medesimo succitato articolo 13/5 del D.lgs. 59/2017 dispone anche che, una volta superato l’anno di prova, il docente il docente è cancellato da ogni altra graduatoria, di merito, di istituto o a esaurimento, nella quale sia iscritto ed è confermato in ruolo presso la stessa istituzione scolastica ove ha svolto il periodo di prova. Ciò sempre per i neoassunti a decorrere dall’a.s. 2023/24 e dopo che gli stessi avranno superato l’anno di prova.

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria: i posti, le prove e il corso di preparazione: con simulatore

WhatsApp
Telegram

Corsi di Formazione in Coaching e Mentoring per i docenti delle scuole con LEARNING COACH SOLUTIONS