Concorso DSGA, Uil: regione Puglia penalizzata

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato UIL Puglia – Ancora una volta la scuola della nostra regione viene bistrattata da un Governo che, alla faccia dell’annunciato cambiamento, si comporta come gli Esecutivi precedenti, penalizzando il sistema formativo del Mezzogiorno”.

Lo dichiara Gianni Verga, segretario generale della UIL Scuola Puglia, rivelando come siano “ben 6.876 gli aspiranti a ricoprire appena 29 posti nel ruolo di direttore amministrativo delle scuole statali pugliesi. Un esercito enorme per arruolare un manipolo di direttori amministrativi che colmeranno in minima parte il fabbisogno del sistema scuola regionale, che da anni è costretto a convivere con una carenza di personale inammissibile”.

“La Puglia – prosegue Verga – vanta il primato della percentuale più bassa d’Italia sui posti messi a concorso (0,4%), irrisoria rispetto a quelle di altre regioni come ad esempio il Friuli, pari addirittura al 5,1%. A livello nazionale sono 102.900 le domande per 2004 posti: numeri che fanno rabbrividire se si pensa che a parteciparvi sono laureati in materie giuridiche ed economiche, dati che dovrebbero far riflettere chi oggi fa pura demagogia rispetto su un Sud martoriato dalla disoccupazione, scalo di partenza senza biglietto di ritorno per tanti giovani”.

“Inoltre – conclude Verga – il numero di istanze presentate non lasciano presagire tempi brevi per l’espletamento delle prove. Dal prossimo settembre avremo, se consideriamo anche la quota 100 e i conseguenti pensionamenti, circa il 20% di scuole senza direttori amministrativi. L’impressione è che nell’attuale Governo prevalga l’improvvisazione, che la mano destra non sappia quel che fa la mano sinistra, a esclusivo danno dei territori e, in questo caso, della scuola pugliese, che dovrà ancora una volta affrontare l’anno scolastico e fenomeni gravosi come quello della dispersione scolastica, senza risorse sia economiche che umane, in condizioni di estremo disagio”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione