Concorso DSGA, prove scritte 5 e 6 novembre. Precisazioni su testi ammessi e sottolineature

Stampa

Concorso DSGA: si svolgeranno il 5 e 6 novembre prossimi le due prove scritte per i candidati che hanno superato la preselettiva. Il Miur ha pubblicato le istruzioni e le griglie di valutazione. 

Le commissioni stanno comunque fornendo delle indicazioni aggiuntive, che vale la pena leggere.

Sicilia – Su disposizione della Commissione giudicatrice si comunica che alle prove scritte saranno ammessi esclusivamente i testi normativi previsti dal bando di concorso ovvero leggi, atti aventi forza di legge, fonti di rango secondario e Contratti collettivi nazionali del lavoro privi di qualsiasi annotazione, commenti, sottolineature e/o altri segni.

Veneto – “ Al momento dell’identificazione si procederà alla verifica dell’ammissibilità dei testi normativi previsti dal bando di concorso ovvero leggi, atti aventi forza di legge, fonti di rango secondario e contratti collettivi nazionali del lavoro (ivi compresi codici o raccolte normative), purché non commentati o annotati con dottrina e giurisprudenza (con esclusione delle sentenze della Corte costituzionale riportate in addenda ai singoli articoli interessati direttamente dalle pronunzie di incostituzionalità totale o parziale).

I testi normativi non possono riportare alcun tipo di appunto o annotazione a mano o essere muniti di schemi di qualunque genere, contenenti “mappe” esplicative o “tabelle” che non siano quelle previste dalla legge, aggiunte, suggerimenti o specificazioni di tipo dottrinario o enciclopedico di qualunque tipo.

Sono inoltre esclusi i manuali, le circolari e le note ministeriali.

Sono pertanto ammissibili i codici o le raccolte di leggi, comunemente diffusi in commercio, corredati da indici cronologici, analitico-alfabetico (o sistematico-alfabetico) e/o sommario e i dizionari della lingua italiana.

Considerata la rilevanza nello specifico ambito concorsuale, è ammissibile il DI 28 agosto 2018, n. 129, relativo al “Regolamento recante istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’articolo 1, comma 143, della legge 13 luglio 2015, n. 107” sono ammissibili leggi, atti aventi forza di legge, fonti di rango secondario e contratti collettivi nazionali del lavoro, compresi codici o raccolte normative, che seppur non intonsi presentino i segni del nomale utilizzo (sottolineature o parti evidenziate) in quanto non viene alterato il contenuto dei testi stessi.

Concorso Dsga: pubblicate le istruzioni per le prove scritte del 5 e 6 novembre

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia